Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto ha incontrato il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Calabria Giuseppe Soluri

281 0
Nell’era dell’informazione e della comunicazione che viaggiano a gran velocità in un mondo globalizzato, il sapere è il motore dello sviluppo e la chiave per leggere ed affrontare le sfide del nostro tempo.
Si è parlato anche di questo in occasione dell’incontro a Palazzo Campanella tra il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto e il presidente dell’Ordine dei giornalisti della Calabria Giuseppe Soluri, accompagnato dal capo ufficio stampa del Consiglio Romano Pitaro.
Nel corso della visita di cortesia – ammirando dal quarto piano di Palazzo Campanella l’impareggiabile panorama dello Stretto – il presidente Soluri ha espresso  apprezzamento nei confronti del Consiglio regionale della Calabria che, per la prima volta, ha approvato un Piano della Comunicazione.
Segno – ha aggiunto il presidente dell’Ordine dei giornalisti calabrese – del valore strategico che si riconosce all’informazione quale leva del progresso civile, sociale ed economico di una società”.
La scelta d’implementare la comunicazione puntando a rafforzarne visibilità, incisività e diffusione permetterà di far conoscere di più e meglio l’attività istituzionale dell’Assemblea regionale e i traguardi conseguiti” – ha detto il presidente del Consiglio regionale Nicola Irto, illustrando gli indirizzi del Piano triennale della Comunicazione 2016-2018”.  Una linea coerente con quanto richiamato dal presidente Soluri secondo il quale “il ‘pianeta’ informazione ha registrato nel giro di poco tempo grandi mutamenti che impongono oggi la valutazione di una realtà variegata”.
Ancora una volta è stato ribadito che il grado di civiltà di un Paese si misura anche dalla qualità dell’informazione. Senza un’informazione libera e indipendente la democrazia è pesantemente compromessa. Per queste ragioni il diritto dei cittadini ad essere informati va salvaguardato difendendo la dignità dei giornalisti e della stessa professione.