Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

11 novembre: non un giorno qualunque

La prima esecuzione al ‘Muro della Morte’ di Auschwitz
891 0

Dal 1937 l’11 novembre ogni anno in Polonia si celebra ‘Il giorno dell’Indipendenza Nazionale’ (in polacco: Narodowe Święto Niepodległości) istituito per rinnovare il ricordo dell’Indipendenza e della liberazione di Varsavia conquistata nel 1918, dopo 123 anni al termine del Primo Conflitto Mondiale. Oggi, su facebook l’Auschwitz Memorial ricorda al mondo intero – o a quella parte di mondo che si ostina ancora ad interessarsene- che nel 1941 proprio l’11 novembre avvenne la prima esecuzione davanti a quello che fu denominato “il Muro della Morte” nel cortile del blocco 11 del campo di Auschwitz.
Quel giorno – si legge nella rievocazione di quell’ignobile momento storico- persero la vita 151 prigionieri, per lo più polacchi. A compiere l’ esecuzione con una pistola di piccolo calibro e alla presenza del comandante del campo, il direttore e il medico, fu Rapportführer Gerhard Palitzsch». Il ricordo continua così: «A ciascun prigioniero prima dell’esecuzione fu impresso sul petto il numero del proprio campo e, uno per volta, nudo e con le mani legate dietro alla schiena, fu condotto al muro e lì ucciso con un unico colpo in testa a distanza ravvicinata». Si racconta ancora che quel giorno uno dei giustiziati, il tenente Tadeusz Lech, poco prima di morire disse serenamente: “Almeno sono contento di morire l’11 novembre”.
Contento di morire non in un giorno qualunque.