Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

22 aprile – Earth Day, la Giornata della Terra,

L’evento viene celebrato un mese e due giorni dopo l’equinozio di primavera
,
644 0

Earth Day, la Giornata della Terra, è la più importante manifestazione mondiale dedicata alla tutela dell’ambiente.

Ogni anno oltre un miliardo di persone vi partecipano in oltre 192 paesi del mondo, unendosi in nome della Terra. Nata il 22 aprile 1970 come movimento universitario, nel corso del tempo si è sviluppata tramutandosi in un evento educativo ed informativo a 360 gradi, spunto di riflessione per valutare le condizioni del pianeta allo stato attuale. Numerosi sono infatti i gruppi ecologisti che, in quest’occasione, scambiano informazioni sulle tematiche dell’inquinamento, delle energie rinnovabili, della distruzione degli ecosistemi, fornendo nel contempo idee e soluzioni innovative per contrastare i danni ambientali.

Nel 1970 venne organizzata una manifestazione a difesa della Terra da parte di 20 milioni di cittadini americani che si unirono in nome dell’ambiente, anziché continuare ad agire separati. Il 22 aprile la mobilitazione coinvolse migliaia di università e college, fino a prendere il nome di Earth Day. Un giorno memorabile per l’ambiente, che fu d’esempio per tutte le manifestazioni a tema che seguirono nel resto del mondo.

Nel corso del tempo l’Earth Day ha conquistato il mondo intero e ad oggi l’organizzazione sfrutta mezzi di comunicazione potenti fra cui il web, che permette di diffondere notizie e informazioni preziose a livello globale.

Gli obiettivi della cosiddetta Green Generation riguardano l’energia rinnovabile, il consumo sostenibile, lo sviluppo della green economy, la diffusione di un’educazione alla sostenibilità fin dall’infanzia. Ma visto che senza condivisione non si va da nessuna parte, nel 2012 l’Earth Day ha dato vita all’Earth Day Italian Network, rete destinata a coinvolgere chiunque, pubblico o privato, sia interessato agli ideali del movimento e ne sostenga le attività. Tra i destinatari si annoverano: associazioni non profit a tema ambientale, istituzioni e grandi organizzazioni che si occupano di temi affini, Imprese, Media.

Come sostenere l’Earth Day

Ma venendo alla pratica, come sostenere questa importante iniziativa? Come si evince dal sito ufficiale le strade sono molteplici. Partiamo dal Villaggio per la Terra che quest’anno si svolgerà a Roma dal 22 al 25 aprile, destinato a grandi e piccini. Un enorme piazza green con tanti eventi e iniziative culturali, sportive, artistiche per sensibilizzare le persone sulla sostenibilità ambientale. Segue la Maratona per la solidarietà che consentirà, grazie ai sostegni ricevuti, di donare dei kit sportivi ai ragazzi appartenenti a strutture di accoglienza o comunque in situazioni di disagio. Per quanto riguarda i sostegni economici, è possibile offrire il proprio contributo all’Onlus di Earth Day.

Personaggi famosi impegnati a livello ambientale

Negli ultimi anni l’interesse per l’ambiente è cresciuto da parte di tutti, inclusi personaggi famosi che si sono attivati per la salvaguardia del Pianeta partecipando alle iniziative dell’Earth Day. Il più noto fra tutti è probabilmente Leonardo Di Caprio, impegnato da molto tempo nella divulgazione di informazioni a tema e autore, fra l’altro, del documentario“Punto di non ritorno”, o “Before the Flood“, in cui si fa portavoce dell’ambiente, sostenendo che i cambiamenti climatici sono reali e gravissimi. Girato in collaborazione con National Geographic, il documentario include interviste a capi di stato, scienziati, imprenditori, e vede protagonista Di Caprio intento a girare il mondo per dimostrare come il riscaldamento globale sia pericolosissimo per il futuro del Pianeta. Di Caprio, fra l’altro, è fondatore della Leonardo Di Caprio Foundation, attiva dal 1998, molto attiva in questi ambiti.

Un altro personaggio di spicco, anche chiamato il visionario dell’energia, è lo scienziato e ambientalista americano Amory Lovins, fondatore del Rocky Mountain Institute. Residente in una casa del tutto sostenibile, progettata da lui stesso, collocata sulle montagne rocciose, Lovins dimostra come sia possibile vivere senza sprechi energetici in modo assolutamente dignitoso.

Per quanto sia stato oggetto di polemiche, ma d’altronde sarebbe stato strano il contrario, Barack Obama è stato il primo Presidente USA a parlare apertamente di cambiamenti climatici avviando progetti concreti per ridurre le emissioni e traghettare gli USA verso le rinnovabili.

 

 

 

 

 

 

 

 

Laura De Rosa