Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

23 aprile 2018 – Giornata Mondiale del Libro

Gli ultimi dati Istat raccontano chiaramente di una Italia pigra da un punto di vista culturale e di una Calabria con lettori ancora in calo
596 0

Oggi, come ogni anno dal 1996,si celebra in tutto il mondo la Giornata  Mondiale UNESCO del Libro e del Diritto d’Autore, un evento che vuole rendere omaggio al libro e al suo importantissimo ruolo nello sviluppo di una società sempre migliore.

L’obiettivo è incoraggiare a scoprire il piacere della lettura e valorizzare il contributo che gli autori forniscono al progresso sociale e culturale dell’umanità,ma anche

l’occasione  per proporre una riflessione seria sulle politiche culturali,dove centrale resta l’educazione alla lettura e l’importanza delle biblioteche intese non solo come luogo di conservazione e di accumulazione,ma come centri vivi di rielaborazione e di produzione di cultura.

Per tradizione l’Italia è un paese dove si legge poco e finiamo in fondo alla classifica mondiale. I dati infatti non sono incoraggianti.

Secondo il World Culture Score Index al primo posto si trovano gli abitanti dell’India con una media di 10:42 ore settimanali di lettura a persona,al  secondo posto  la Thailandia, terza la Cina. E l’Italia? In fondo alla classifica, al 24° posto con solo 5:36 ore settimanali dedicati alla lettura.

Il principale ostacolo all’allargamento del mercato dei libri e dei quotidiani deriva dalle scadenti competenze alfabetiche degli italiani,ovvero di quell’ insieme di strumenti che consentono capacità autonome di lettura,comprensione e interpretazione di un testo. E la riprova la si trova ancora una volta nei dati perché solo 18 % degli italiani risulta avere un elevato patrimonio di competenze

La colpa è da imputare in parte all’avvento delle piattaforme digitali, Internet e i social network che favoriscono una lettura “scorrevole”, veloce e poco impegnativa e che consentono una connessione tra le persone nel mondo e, divenute luogo di informazione e divulgazione della cultura .Tuttavia  I bassi livelli di lettura sono dovuti anche ad  un analfabetismo di ritorno

Il libro, dunque, oggetto silenzioso, insostituibile strumento di cultura, in Italia muore di freddo.

Secondo le ultime rilevazioni ISTAT, relative al 2016,sono i  lettori italiani  sono ancora in calo i lettori, passati dal 42,0% della popolazione di 6 anni e più del 2015 al 40,5% nel 2016, una perdita di 751 mila lettori.E cinque punti percentuali in meno rispetto al 2012,anno in cui c’è stato l’exploit di lettori nell’ultimo decennio. Rispetto al 2010, il calo è ancora più allarmante: 3 milioni in meno.

Dal report arrivano altre conferme, come il fatto che la lettura è legata al titolo di studio e le differenze territoriali, che configurano una vera e propria «questione meridionale» che prima o poi andrà affrontata anche a livello istituzionale. Legge meno di una persona su tre nelle regioni del Sud (27,5%) mentre in quelle del Nord-Est si raggiunge la percentuale più elevata (48,7%).

Si tratta di circa 23 milioni di persone che dichiarano di aver letto almeno un libro nei 12 mesi precedenti l’intervista per motivi non strettamente scolastici o professionali. La popolazione femminile mostra una maggiore propensione alla lettura già a partire dai 6 anni di età: complessivamente il 47,1% delle donne, contro il 33,5% dei uomini, ha letto almeno un libro nel corso dell’anno. Leggono di più i giovani tra gli 11 e i 14 anni (51,1%) rispetto a tutte le altre classi di età.

La diffusione dei lettori risente del livello di istruzione: il 73,6% dei laureati legge, contro il 48,9% di chi ha conseguito al massimo il diploma superiore. E persistono i divari territoriali, con il Sud maglia nera: qui a leggere è il 27,5%, cioè meno di una persona su tre.

In fondo alla classifica la Calabria col 25,1% di lettori, con  una media italiana  del 40,5% .Anche nella nostra regione si registra negli ultimi anni un calo progressivo di fruitori di lettura, nel 2015 la percentuale fu del 28,8, nel 2014 del 29,9 e nel 2013 del 34,5%.

Grande l’importanza della famiglia dove si apprende l’abitudine alla lettura. Non a caso legge libri il 69,7% dei ragazzi con entrambi i genitori lettori. E sono i giovani tra gli 11 e i 14 i “forti” lettori di libri

I dati mostrano che nel tempo è aumentata la quota di famiglie che possiedono libri: nel 2016 erano l’89,4%, ma dal 2009 in poi il 10% di famiglie ha dichiarato di non avere libri in casa.
La Calabria è  prima regione italiana ad avere la percentuale più bassa di famiglie

che non libri in casa,il 16,4% ne possiede da uno a dieci, il 14,9% da undici a venticinque, il 4,1% più di quattrocento.

E’ necessario, dunque, allargare il mercato e i consumi culturali se vogliamo che il libro sopravviva e cresca nelle biblioteche,nelle librerie e nelle case degli italiani.

L’obiettivo è capire come si impara a leggere e come il nostro sistema scolastico ,soprattutto nelle fasi iniziali,riesca a produrre lettori.

La scuola è perciò chiamata in prima persona a costruire un rapporto tra il giovane allievo ed il libro come momento positivo e di crescita spirituale e culturale.

Si è rilevato in questo senso che lo strumento principale senz’altro capace di dare una base a qualunque attività di promozione della lettura è lo sviluppo di un moderno e efficiente sistema di biblioteche, in Calabria al 31 dicembre 2017 ve ne sono 446, il 3,2% del totale Italia pari a 13.925 biblioteche di varia tipologia amministrativa. Molti passi in avanti sono stati compiuti, ma la situazione rimane nel complesso deficitaria.

Già, perché esistono le biblioteche statali ,comunali e scolastiche; o, meglio, esisterebbero… 13 milioni di italiani (il 21,1% del totale) risiedono in comuni in cui non c’è una libreria o   biblioteca. Secondo l’Ufficio studi Aie, sono esclusi i Comuni dove possono esserci cartolibrerie, edicole-negozio, centro commerciale con librerie come bacino di attrazione. Vale a dire 687 comuni sopra i 10 mila abitanti, l’8,6% del totale dei 7.998 censiti.
Non va meglio per la presenza di biblioteche scolastiche. 486.928 studenti frequentano istituti che ne sono privi: 262mila nella scuola primaria, 147mila nella secondaria di primo grado e 77mila nella secondaria di secondo grado. Ma altri 3,5 milioni frequentano istituti che hanno un patrimonio di libri inadeguato a far scegliere ai ragazzi cosa leggere. Si legge meno soprattutto nei piccoli comuni, dove la perdita si aggira sul 15,3% rispetto ad una media nazionale del 9,1%. Va un po’ meglio, invece, nel centro delle grandi città (-3,1%) rispetto alle periferie (-5,1%).

Non c’ è dubbio che va sollecitata una nuova stagione della lettura e del libro nel momento della massima espansione della comunicazione televisiva e multimediale. A fronte di questa comunicazione immediata e necessariamente elementarizzata,la lettura del libro può e deve svolgere una funzione di riequilibrio delle capacità riflessive ed espressive di più ampio e penetrante dominio del linguaggio e del pensiero. Questo equilibrio qualitativo si può realizzare soprattutto nei luoghi deputati della preparazione e promozione della cultura, rappresentati dalla scuola, dalle biblioteche e dai musei che potranno assumere funzione continua di vivai culturali.

Il problema è che in Italia ai vari livelli amministrativi ancora non esiste una politica culturale, né vi siamo orientati. La buona salute del libro invece è fondamentale per la crescita culturale del Paese, non può essere una seconda scelta. I Paesi in cui si legge di più sono anche quelli in cui si consuma più musica, più giornali, si va più al cinema e a teatro.

Nella scuola e negli studenti manca l’abitudine al leggere. Non basta studiare testi ,bisogna leggerli, commentarli, discuterli. I libri vanno “vissuti” nell’ambito scolastico perché lettori si diventa. Imporre la lettura come un dovere è soltanto un disincentivo:leggere deve essere un piacere.

In molti paesi la narrativa è obbligatoria, invece noi la stiamo perdendo. Servono pratiche didattiche legate al libro:visite frequenti nelle biblioteche e nelle librerie, il recupero della biblioteca di classe collocata dentro al piano dell’offerta formativa d’istituto, non chiusa dentro i confini della scuola.

Sembrano non avere sortito grandi effetti le iniziative dei bonus docenti e dei bonus diciottenni di 500 euro finanziati dagli ultimi governi per i consumi culturali. Per fare un semplice esempio: gli insegnanti per l’anno 2016/2017 hanno speso circa 200 milioni di euro in hardware e software nuovo, ma solo 38 milioni di euro in libri.

Dare soldi a pioggia – ma senza una programmazione né una sistematicità – per incrementare i consumi o la disponibilità non significa fare educazione alla lettura, né in generale formazione culturale.

C’è da scommettere che l’anno prossimo avremo ancora meno lettori. La sola possibilità di creare una controtendenza sarebbe quella di intervenire in modo drastico nella formazione dell’obbligo. E introdurre per esempio, sulla scia di altri paesi europei, un’ora dedicata alla lettura in tutti i gradi di scuola, dall’asilo alle primarie alle medie alle superiori, facendo tesoro di quelle che sono ormai centinaia di esperienze sulla pedagogia della literacy.

A questo punto una domanda va posta alle amministrazioni pubbliche per sapere se condividono la necessità di un progetto per un autentico investimento civile e sociale che contribuisca a creare cittadini più liberi, più liberi dai pregiudizi, più liberi dai condizionamenti, più liberi dalle omologazioni.

                                                                                             GUIDO LEONE

                                                                              già Dirigente tecnico USR Calabria