Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Acli ed Ama Calabria insieme per una musica ricercata

La riflessione di Pino Campisi dopo uno spettacolo a Lamezia
,
842 0

A fine spettacolo, a fine serata fatta di danze etniche, musiche caucasiche, balletti della Georgia, il folto gruppo di amici che quasi sempre ci ritroviamo al Palazzo Nicotera, al Teatro Umberto o, come qualche sera fa, al Grandinetti, ci siamo sentiti ama teatro grandinetti lamezia musica per davvero contenti. Contenti per aver ascoltato della buona musica e delle straordinarie recitazioni di attori che hanno qualificato le rappresentazioni artistiche lametine. Ne ricordavamo alcune anche del recente passato: Milva applauditissima in un programma dedicato alla canzone francese, Arnoldo Foà con un programma sul Leopardi e Chopin, Corrado Augias e Giuseppe Modugno, l’Orchestra Sinfonica Giuseppe Verdi di Milano, Antonella Ruggiero. A fine spettacolo abbiamo commentato anche che le festività natalizie della città avevano avuto il via con questa serata artistica di altissimo livello e gusto. Ovviamente parliamo di spettacolo. I fratelli Pollice raffinati musicisti di AMA Calabria, riescono a generare intrattenimento artistico-culturale con professionalità impeccabile, come se ci trovassimo nelle grandi città italiane. Non solo, riescono a creare storia dello spettacolo e della musica, perché sanno creare appuntamenti che si rinnovano da oltre quarant’anni. E poi presentano le serate musicali non solo con professionalità ma anche con eleganza. Ed il pubblico apprezza. Tutto questo ha spinto anche le Acli Calabria, Associazione con settant’anni di storia di promozione sociale a creare teatro grandinetti lamezia e consolidare un rapporto sinergico per diffondere ulteriormente la cultura, in particolare la musica e il teatro, in linea con quanto anche le Acli Arti e Spettacolo realizzano nel contesto nazionale. E ancora, con il Parco Agricolo Calabria-Acli Terra che coinvolge la rete di imprese negli itinerari artistici di AMA Calabria. In buona sostanza con AMA Calabria nascono nuove storie culturali per una nuova Calabria. Con la musicologa Chiara Macrì che in tutte le serate ci fa trovare entusiasti, perché espone la storia dei gruppi musicali e delle compagnie artistiche con passione e competenza e il pubblico si scopre coinvolto e attento a nuovi arricchimenti. Ritornando alla serata, con gli artisti georgiani che volteggiavano da una parte all’altra come fossero falchi pellegrini, con le bellissime danzatrici che, a volte immobili in una espressione teatrale irripetibile, ci hanno portano a riscoprire nuovi temi della musica e della danza. Ed infine, quattro mirabili musicisti, non di più, solo quattro, hanno accompagnato una performance artistica, composta da decine di danzatori-ballerini, nuova per Lamezia, nuova per la Calabria, nuova per riempire tanti vuoti e perciò vera arte per dare risposta. La Georgia è lontanissima, eppure i popoli sanno stare insieme attraverso la musica, l’arte , lo spettacolo, la danza . AMA Calabria da anni ci porta in tanti viaggi per il mondo, facendoci conoscere tanti artisti, quelli che hanno deciso di elevare la loro spiritualità in compagnia di altre persone che hanno il dono di ascoltare e di vedere la bellezza dell’arte e della vita.

Pino Campisi