Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Aeroporto, Sculco (Cir): “Sconcertante la dichiarazione del presidente Enac Riggio su chiusura scali Crotone e Reggio, pronti a mobilitazione”

,
427 0

«E’ incredibile e sconcertante la dichiarazione resa dal presidente dell’Enac Riggio, che, ritenendo inutili gli aeroporti di Crotone e Reggio, suggerisce addirittura una loro chiusura. E’ quanto di più cinico, iniquo e politicamente deleterio si possano attendere le aree più svantaggiate del Paese».

A dirlo è il consigliere regionale Flora Sculco (Calabria in rete) che aggiunge: «Queste aree che, come nel caso di Crotone, nei decenni scorsi hanno contribuito con le loro industrie e le loro maestranze alla ricchezza del Paese pagando prezzi enormi in termini d’impatto ambientale e di disoccupazione, non hanno bisogno del ‘de profundis’ di Riggio, ma di politiche attive, investimenti e progettualità innovativa che valorizzino le risorse del territorio col
potenziamento della dotazione infrastrutturale».

«Lo sviluppo – prosegue Flora Sculco -, non si fa abbassando le saracinesche! A Riggio e a tutti coloro che vorrebbero far diventare questa parte del Paese un deserto economico e sociale stracarico di emergenze, il popolo calabrese saprà opporsi mobilitando tutte le sue energie e capacità di sdegno. Invece di dirci come si intende risolvere l’evidente deficit infrastrutturale (ferrovie malmesse e strade pubbliche come la ‘106’ che sono un killer autorizzato ad uccidete) che taglia dal Paese e dall’Europa le nostre aree, ci propinano battute cosi prive di senso e persino di stile».

«Se la risposta ai problemi – conclude Flora Sculco è chiudere gli aeroporti di Crotone e Reggio, frustrando ogni possibilità di riscatto economico e sociale, c’è da attendersi che si chiudiamo le scuole e le Università che costano troppo, gli ospedali che sono in rosso, i comuni delle città del Sud subissate dalle difficoltà finanziarie e infine, perché no?, chiudiamo il Mezzogiorno e cosi avremo risolto la questione meridionale».