Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

AL MArRC, IL SUD GUARDA AL FUTURO

Domenica 12 maggio, ore 18.00, conferenza “Quale Sud?” promossa da Confesercenti Martedì 14 maggio, accessibile alle visite solo il livello D (pianoterra) con la Sala Bronzi, al biglietto speciale di 2 euro
738 0
AL MArRC, IL SUD GUARDA AL FUTURO

Prosegue al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria l’intenso calendario degli appuntamenti per le attività di valorizzazione, anche in collaborazione con istituzioni della cultura e della società civile, nella prospettiva di uno sviluppo umano sostenibile. Il MArRC ospita, domenica 12 maggio, a partire dalle ore 17.00, in Piazza Paolo Orsi, la tavola rotonda sul tema “Quale Sud? – Conversazione sul Meridione tra passato e futuro”.

L’incontro, moderato da Raffaele Mortelliti, direttore di Strill.it, è organizzato da Confesercenti Reggio Calabria. Interverranno, con il direttore del Museo Carmelo Malacrino e il presidente di Confesercenti Claudio Aloisio: il giornalista e scrittore Pino Aprile; l’editore di Reggio TV Eduardo Lamberti Castronuovo; il docente universitario componente del Comitato scientifico del MArRC Daniele Castrizio; il presidente della Camera di Commercio Ninni Tramontana.

«La questione meridionale è da decenni al centro del dibattito nazionale – afferma il presidente Aloisio – tuttavia rimane un nodo irrisolto che frena lo sviluppo non solo del Sud ma dell’Italia intera. È perciò di tutta evidenza che le politiche sino ad oggi messe in campo per la risoluzione di questo atavico problema sono state per la gran parte inefficaci e, a volte, addirittura deleterie. Ritengo quindi indispensabile che si avvii un serio confronto che coinvolga tutte le forze sane e produttive del territorio, per ragionare su nuove ed idonee strategie di sviluppo e di crescita che si pongano l’obiettivo di mettere in rete e valorizzare le immense potenzialità che da sempre il meridione esprime. Per tale motivo, come Confesercenti – continua – abbiamo voluto compiere un primo passo in questa direzione organizzando un evento che vede la partecipazione di tanti illustri relatori capaci di approcciare la questione da differenti prospettive. La scelta del Museo come sede non è stata casuale: un segno di attenzione alle eccellenze del Sud, di cui il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria è uno degli esempi di maggior positività».

«La costruzione del futuro è una responsabilità condivisa. Ed è possibile soltanto sulle solide basi della conoscenza del passato e in rete tra istituzioni, luoghi della cultura e cittadini», dichiara il direttore Malacrino. «Il Museo è la sede dove si trasmette la fiducia in una idea di sviluppo che trae la sua forza in questo straordinario binomio tra passato e futuro, per ricostruire insieme un Sud sempre più di qualità, sui valori della tradizione classica, ma con il coraggio di cambiare ciò che ha bisogno di essere cambiato».

Martedì 14 maggio, per motivi tecnici, di lavori alla cabina elettrica dell’Enel, il Museo sarà aperto al pubblico limitatamente al livello D della collezione permanente (pianoterra), dedicata a Reggio antica e che ospita, tra l’altro, la Sala dei Bronzi di Riace e di Porticello. I visitatori potranno, pertanto, usufruire di un biglietto speciale ridotto al costo di 2 euro.

«Il MArRC concilia accoglienza, efficienza e sicurezza anche in situazioni straordinarie, per offrire il miglior servizio di cultura ai cittadini e ai turisti», dichiara il direttore Malacrino.