Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

AMANTEA, Caffè Letterario “Oppèla – La Notte di Aleppo” al Teatro Castro

623 0

Si è tenuto ieri, Domenica 9 Aprile, presso il Teatro Castro di Amantea, il Caffè Letterario “Oppèla – La Notte di Aleppo”.
Una serata, all’;insegna della musica che descrive l’infanzia rubata dei bambini di oggi.
Un vero e proprio viaggio, quello di Oppèla, che ha permesso ai presenti di essere trasportati all’interno dei mondi raccontati da B. Brecht, P. Handke, N. Hikmet, sulle musiche di E. Satie e E. Granados, fino ad arrivare a quelli a noi più familiari di F. De Andrè, G. Gaber, P. Turci, F. Mannoia, G. Di Michele.
Un cammino, che ha saputo coniugare due mondi paralleli: quello “colto” d’elitè e quello “popolare”, nel senso più alto della sua accezione, conosciuto dai più.
Realtà, quelle, narrate e cantate magistralmente attraverso la voce dall’Avv. Fernanda Gigliotti, assieme ai Maestri Enza Sciotto, Luca Laganà e Salvatore Mamone, docenti presso l’Istituto superiore di studi musicali “Tchaikovsky” di Nocera Terinese, che con le loro chitarre hanno sapientemente accompagnato, passo passo, l’affascinante percorso della serata.
Questo – hanno spiegato gli stessi artisti – è un Caffè Letterario che parla di noi, dei nostri bambini, delle loro storie.
I testi mettono sotto il riflettore due mondi: quello dei bambini migranti, soldato, lavoratori, e il nostro, così apparentemente diverso dal primo. In entrambi, però, l’infanzia è un’età rubata, fagocitata da mille ragioni, confusa fino a perdersi nei “fasti” della tecnologia, nei mille appuntamenti, nelle guerre degli adulti e della loro follia. E’ un girotondo intorno al mondo, che tocca e racconta le diverse realtà in cui siamo cresciuti e crescono i nostri figli che diventano adulti, guidati e condizionati da un mondo che, spesso, adulto non lo è”.