Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Anche quest’anno, l’Istituto Comprensivo di Ricadi ha voluto regalare uno splendido momento di aggregazione, nel segno della cultura musicale.

Si è tenuto, infatti, lunedì 31 maggio, il consueto "Concerto di fine anno", allestito dagli alunni delle classi di "strumento musicale".
430 0
Anche quest’anno, l’Istituto Comprensivo di Ricadi ha voluto regalare uno splendido momento di aggregazione, nel segno della cultura musicale.

L’evento, fortemente sostenuto dal dirigente, Prof. Genesio Modesti, si è svolto presso la sede della Scuola Media di Ricadi, e si pone quale degno saggio del lavoro svolto durante tutta la parte dell’anno scolastico.

Dopo il rituale saluto della vicepreside, Prof.ssa Ersilia Borgia, l’orchestra ha proposto un gustoso e vasto programma, eseguito dalla elegante classe di VIOLINO, coordinata dal M° Rossella Macrì, e da una formidabile ENSEMBLE, abilmente coordinata dai Maestri Valentino Costanzo (chitarra), Alessandro Sirianni (percussioni), Gennaro Pecoraro (clarinetto) e Piero Locane (pianoforte), Salvatore Ortelio di (flauto dolce).

Gli allievi hanno allietato la platea con un classico e puntuale repertorio, inteso a spaziare fra i più rinomati brani tratte da colonne sonore famose iniziando inoltre con un brano inedito dalle origini Andaluse caratteristico per la tecnica Flamenca composto dal Maestro Costanzo Valentino svolto dall’ensemble di chitarre e Percussioni dirette dal Maestro Sirianni Alessandro.

Nutritissimo il parterre dei genitori, accorsi ad omaggiare col giusto tributo di applausi tanto i ragazzi, abili esecutori, quanto i loro docenti, infaticabili e valenti artefici dell’iniziativa.

“Un lavoro che, inquadrandosi nel più puro spirito ed entusiasmo di tutti i presenti, vuole porsi come viatico per la realizzazione del nostro progetto comune, che è quello di formare i ragazzi, infondendo loro la sensibilità necessaria per apprezzare e valorizzare il patrimonio musicale, fondamento della nostra identità culturale”.

Queste le parole dei Maestri Sirianni e Costanzo, che, intervistati all’inizio del consueto concerto, manifestano una degna soddisfazione per la riuscita di un evento che ha senz’altro saputo toccare le corde del cuore di quanti hanno avuto la fortuna di essere lì con noi.