Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Ancora al palo la Ferpi Banca Medionalum sconfitta dal San Giovanni in Fiore

,
625 0

Fer. Pi. BANCA MEDIOLANUM – Q8 SPINA VOLLEY SGF 0 – 3

(20/25 21/25 22/25)

1° Arbitro: Notaro Gabriella

Fer. Pi. Banca Mediolanum: 2 Barberino V., 3 Fazio M., 4 De Vito C., 5 Caputo D., 7 Saturno L., 11 Scalise L., 12 Fazio S., 13 Torcasio T., Lupia Palmieri A., 18 Mascaro I., 20 Talarico C., 1 ( libero) Nicotera C. – Allenatore: Mazza Giovanna

Q8 SPINA VOLLEY SGF: 1 Ppe F., 2 Barile M., 4 Talarico F., 6 Girimonte I., 8 Talerico G., 9 De Luca G., 10 Straface M., 14 Curia R., 16 Marazita T., 18 Marra G., 25 Sicreti C., 19 (1 libero) Greco F., 21 (2 libero) Migliarese C. – Allenatore Cocchiero S.

A termine dell’incontro fra la Ferpi Banca Mediolanum e la Q8 di S. Giovanni in ferpi serie DIMG_20150603_191357Fiore si registrano gli stessi commenti delle ultime gare e cioè: come fa questa squadra, la Fer. Pi., ad essere ferma al palo in questo campionato. Infatti se la classifica generale registra zero punti dopo cinque gare i giudizi, almeno sulle ultime disputate, non rispecchiano l’andamento delle partite e della prestazione. A nostro giudizio le ferpine hanno paura di vincere, non si può spiegare altrimenti se non in questo modo che ad un passo dal risultato positivo entrano in un tunnel dal quale non riescono ad uscire dando vita ed errori grossolani cedendo i set alle avversarie.

Anche oggi sulla prestazione e determinazione generale non si possono dare colpe particolari a Saturno e compagne resta solo il fattore determinante di non chiudere i colpi nel momento topico dei set. Sembra che abbiano smarrito quella grinta e determinazione che le ha caratterizzate nello scorso campionato che riuscivano ad essere concentrate fino alla fine, quest’anno invece entra in campo la paura che non fa novanta ma fa venticinque per le avversarie e quindi vittoria.

Il tecnico Mazza della Ferpi, ancora in emergenza per alcune assenze, schiera Fazio in regia con opposto De Vito, centrali Barberino e la giovanissima Talarico, di banda capitan Saturno e Torcasio, libero Nicotera.

A questo mister Cocchiero oppone: De Luca in regia e opposto capitan Talerico, al centro Girimonte e Straface, e di banda Curia e Marra, libero Greco.

I set sono disputati all’insegna dell’equilibrio con le squadre che ribattevano punto su punto ed anche quando qualcuna prendeva qualche break di vantaggio veniva puntualmente annullato dalle avversarie. Solo che come detto sopra le ferpine non hanno avuto la giusta determinazione a chiudere i set a proprio favore cedendo nei punti decisivi. Eppure anche questo avversario era abbordabile dal punto di vista tecnico, non presentava degli elementi di particolare pericolosità anche se complessivamente erano ben messe in campo e riuscivano nei recuperi dei palloni.

A termine dell’incontro, mister Mazza afferma: Siamo qui a recriminare su quello che poteva essere e non è stato, ancora una volta non ho nulla di particolare da recriminare alle mie atlete se non quello di non essere riuscite a chiudere i set per come giocati fino ai punti decisivi. Stiamo lavorando bene fisicamente ed atleticamente e si vedono i risultati in campo, ma quello che ancora non riusciamo a scrollarci di dosso è una sorta di paura della vittoria. Sono convinta e con me tutto l’ambiente che una vittoria ci possa dare quel lancio necessario per ritrovare la nostra serenità nelle giocate anche nei momenti decisivi dell’incontro. Dobbiamo cercare questa tranquillità per riuscire a giocare e a divertirci per come sappiamo perché la nostra tifoseria ci possa trascinare nelle giocate e possa anch’essa essere determinante, almeno nelle partite casalinghe.