Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Approvare i provvedimenti del comparto agricoltura al prossimo consiglio regionale

Lo chiede la Coldiretti ai vertici istituzionali ed ai consiglieri in vista dell'assise di martedì 7 ottobre
762 0

In occasione del Consiglio Regionale, già convocato per martedì 7 ottobre, la Coldiretti Calabria, nella convinzione che per l’agricoltura e l’agroalimentare calabrese rappresenta uno snodo essenziale ha scritto una lettera al Presidente Talarico, alla presidente Stasi, all’assessore Trematerra e a tutti i Consiglieri Regionali.

Dall’assemblea regionale, l’ultima di questa legislatura – si legge nella lettera – ci aspettiamo provvedimenti decisivi per il futuro del settore che non devono e possono Francesco-Talaricoessere ulteriormente rinviati o peggio elusi, altrimenti si rischia di vanificare l’intenso lavoro preparatorio svolto e non sostenere la competitività delle imprese e del sistema agricolo con l’effetto negativo di mettere a rischio anche i fondi comunitari. Finalmente – prosegue lo scritto – si potrebbe scrivere una pagina importante, che significa anche un riconoscimento al valore economico, sociale, culturale che l’agricoltura ha saputo e continua ad interpretare nella nostra Regione nonchè le risposte all’azione di mobilitazione, sempre propositiva, portata avanti dalla Coldiretti e che ha avuto il sostegno con apposite delibere, di oltre 170 Amministrazioni Comunali. In sostanza la Coldiretti, per non rimanere nella indefinitezza, chiede che all’o.d.g. del Consiglio il secondo punto che recita: Provvedimenti urgenti ed indifferibili trattati dai competenti organismi, sul versante agricolo, avendone i provvedimenti tutti i requisiti formali, giuridici e tecnici (corredati dalla dichiarazione di indifferibilità e urgenza rilasciata dal Dirigente Generale del Dipartimento Agricoltura) possa avere la seguente declinazione con la relativa discussione ed approvazione: P.d.L. 551/9^ ( Collegato Agricolo) ed i relativi emendamenti; P.d.L. regionale “Norme regionali per la disciplina, la tutela e la valorizzazione dell’apicoltura calabrese” approvata dalla seconda Commissione Consiliare il cui testo unificato è stato approvato il 30 aprile 2014;; P.d.L. n. 470/9^ michele-trematerraDisposizioni concernenti norme per il contenimento del consumo di suolo agricolo” il cui Testo licenziato dalla IV Commissione nella seduta del 10 aprile 2014. E’ superfluo ribadire – si legge nella missiva -che sono provvedimenti, ognuno, per il novellato e le disposizioni che contiene, molto attesi e se approvati, rappresenterebbero un segnale positivo da parte di tutta l’Assemblea Legislativa Regionale e se cosi non fosse perderemmo tempo prezioso (oltre un anno) in un momento di grande difficoltà. La vicenda – chiosa Molinaro presidente della Coldiretti Calabria – occorre definirla e non farla rimanere ancora appesa e con molti elementi di incertezza, e quindi chiediamo che a prevalere sia la responsabilità politica.. Noi – conclude – nel rispetto delle Istituzioni continuiamo a confidare, fino a prova contraria, nella volontà di dare le risposte in grado di tenere accesi i motori.