Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Assadakah: riaprire l’ambasciata Siriana!

L’Intelligence italiana e l’addestramento dell’ISIS
,
933 1

Il comunicato ufficiale, inviato al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e al Ministro degli Esteri Mogherini, con il quale il Centro Culturale “Assadakah”  Sardegna, alla luce degli ultimi avvenimenti , ha invitato le nostre autorità a riallacciare i rapporti diplomatici con il governo siriano, è stato oggetto di grave censura. Per un’opportuna , doverosa  e corretta informazione, riporto, tra l’altro, stralci dello stesso.

Secondo il Centro Italo-Arabo “Assadakah”,  è opportuno che venga al più presto riaperta l’Ambasciata Siriana in Italia e cessino “le sanzioni nei confronti della Siria in modo da garantire a Damasco di riallacciare normali relazioni diplomatiche per fronteggiare la minaccia del fondamentalismo islamico riconoscendo a quel governo un ruolo essenziale nella lotta contro il terrorismo dello Stato Islamico e di Al Qaida.Il Presidente Bashar Al Assad – si legge ancora nel comunicato – è stato l’unico ad avere difeso, protetto e garantito le comunità cristiane, letteralmente massacrate dai combattenti dello Stato Islamico e del Fronte Al-Nusra. L’opposizione armata e le bande criminali che imperversano nel Paese, in aggiunta ai terroristi jihaidisti, sono oggi l’unico grande pericolo per la Siria e la stabilità dell’intera regione”.

Bisogna, infatti, essere ciechi per non vedere quanta morte e distruzione ha portato la perversa alleanza che vede insieme Nato, Turchia, Israele e Paesi del Golfo nel progetto destabilizzante del Medio Oriente e nell’affermarsi, in quella regione, del terrorismo islamico nelle sue varie componenti e che si è tramutato in ISIS (Stato Islamico dell’Iraq e della Siria), finanziato, addestrato ed armato dalla coalizione per abbattere la Nazione Siriana, da sempre mosaico di convivenza civile e religiosa.

Oggi, “improvvisamente”, la loro “creatura” diventa un pericolo quando, da oltre tre anni e mezzo, commette le medesime atrocità in Siria, le stesse che oggi, con più insistenza, vengono denunciate in Iraq e che hanno avuto il massimo risalto mediatico con la vile decapitazione del povero reporter americano James Foley che segue alla decapitazione di migliaia di cristiani, sciiti e di altri appartenenti alle altre comunità non sunnite, agli stupri e massacri che le Organizzazioni Internazionali hanno fatto finta di non vedere ed hanno cercato di porre nel dimenticatoio per alleggerire la loro coscienza!

Di conseguenza, a casa nostra, l’ ISIS, il terrorismo islamico e le “sterzate” filoamericane delle azioni dei nostri Servizi in Medio Oriente stanno preoccupando il Governo ed irritando il Presidente del Consiglio Matteo Renzi.

”…il caso che più preoccupa il governo è stata la scelta dei servizi segreti italiani, durante il 2013, di seguire acriticamente senza che risulti né autorizzazione preventiva, né adeguata informativa, le direttive di altri servizi, soprattutto quelli americani, nell’area siriana.

Un particolare sembra inquietare il governo in questo momento: la scelta dell’intelligence italiana […] di aiutare in ogni modo il fermento della rivolta nei confronti del presidente siriano Bashar Al Assad. Dall’Italia […] sarebbero partiti addestratori militari specializzati nelle tecniche di guerriglia destinati, in particolare, a due campi organizzati, uno in territorio turco e l’altro ai confini della Giordania. Lì sarebbero stati addestrati dagli italiani, alcuni combattenti -anche miliziani qaedisti – che successivamente sono andati ad ingrossare le fila dell’ISIS, rendendosi protagonisti anche di alcune azioni (come rapimenti) di cui sono state vittime cittadini occidentali e perfino italiani.” (“Libero”, 26 agosto 2014).

Sembra che la specifica missione dell’Italia sia sempre quella del suicidio che, in politica estera, significa “servire gli altrui interessi e non i propri, traducendosi in “servilismo ossequioso”, capace di trascinarci in posizioni ed azioni alquanto  pericolose non solo per l’economia, ma anche per la sicurezza del nostro Paese. E per capirlo non è certo necessaria la sfera di cristallo!

 

 

 

 

  • Pierpaolo1947

    Questo è il preliminare assoluto.
    Immediatamente dopo la revoca delle assurde sanzioni economiche.