Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Attestato di benemerenza ai dipendenti comunali collocati a riposo

La proposta e' d'iniziativa del consigliere comunale, avvocato Armando Chirumbolo
797 0

Oggi il Comune di Lamezia Terme, risulta essere tra i pochi comuni, se non l’unico comune italiano tra quelli di maggiore importanza e grandezza, a non aver ancora istituito un riconoscimento di benemerenza al personale dipendente collocato in pensione.

Ritengo che la pubblica amministrazione non sia qualcosa di impersonale, bensì è composta, invero, di quell’insieme di persone, che ogni giorno prestano il proprio servizio con professionalità, impegno ed abnegazione per il conseguimento dei risultati dell’Ente a favore della comunità amministrata. A queste persone andrebbe, quindi, rivolto il pubblico ringraziamento per la pluriennale e meritoria attività svolta durante l’arco della loro vita lavorativa al servizio dei cittadini.

Tale riconoscimento non deve intendersi solo come un mero gesto formale, bensì come autentico ringraziamento dell’ente e della comunità lametina per l’impegno profuso dai dipendenti meritevoli e produttivi negli anni in cui sono stati in servizio, così da rappresentare uno stimolo a produrre maggiormente per i loro colleghi ancora in servizio. Non va mai dimenticato, infatti, che il lavoro svolto dai dipendenti collocati in pensione, così come quello prestato dai dipendenti ancora in servizio, deve essere unicamente rivolto a garantire servizi migliori ed efficienti a tutti i cittadini.

Pertanto non vi è dubbio alcuno che sia doveroso istituire in favore dei dipendenti che vengono collocati in pensione un riconoscimento che tenga conto dei risultati conseguiti dall’Ente nella fornitura di servizi ai cittadini amministrati. Tale riconoscimento, tradizione consolidata nella stragrande maggioranza delle istituzioni nazionali e locali non per il valore economico ma per il valore morale, che incarna ed esprime il sentimento di orgoglio e di affezione verso l’Ente da parte dei suoi dipendenti, sarebbe un segno tangibile per l’impegno e la dedizione che sicuramente ad ogni lavoratore, dopo tanti anni di servizio , deve riconoscersi, quale segno di gratitudine da parte della comunità e delle istituzioni.

In considerazione di ciò, protocollai il 30 Aprile del 2013 una mozione consiliare con la quale chiedevo alla Giunta comunale di allora di avviare, con proprio provvedimento, l’iter per il riconoscimento di un attestato di benemerenza ai dipendenti comunali collocati a riposo, convinto che tale iniziativa avrebbe avuto un effetto motivazionale su tutto il personale impiegato, che, in questo modo, sarebbe stato maggiormente valorizzato e, quindi, stimolato a continuare a lavorare sempre meglio per il bene della comunità. Nel  Consiglio comunale in cui si discusse detta mozione, la mia proposta  fu approvata con la maggioranza dei voti dei Consiglieri, ed ora attende solo che l’attuale Giunta Comunale, della cui maggioranza faccio parte, provveda a dare attuazione a tale iniziativa. Certamente, il contingente momento di crisi economica e il consequenziale taglio alle risorse non è in antitesi con la presente richiesta, perchè è forte la convinzione che proprio in questi frangenti un’Amministrazione deve prestare grande attenzione alla valorizzazione delle sue risorse umane che rappresentano il motore dell’Ente, ed anche in considerazione del fatto che una tale iniziativa non graverebbe , in alcun modo, sulle casse comunali, in quanto praticamente a costo zero”.