Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Avere fede in Gesù –

Breve riflessione sulla pagina del Vangelo in questa XX.ma Domenica del Tempo Ordinario
1.38K 0

Avere fede nonostante tutto il fardello dei peccati commessi; nonostante le ingratitudini, nonostante i rifiuti dell’Amore riversato da Cristo nei nostri cuori distratti o anche insolenti.

Gesù, ancora una volta, approfittando di questa domenica liturgica,  è venuto comunque a spalancare le sue braccia per farci dono della sua misericordia, del suo bene, della sua grazia.

Gesù ce lo ricorda sempre : noi siamo fatti per condividere i suoi spazi e per abitare in eterno nella Casa del Signore, essendo stato mandato dal Padre per “ condurci sul suo monte santo e per colmarci di gioia nella sua Casa di preghiera” ( Is 56,  ).

Sui suoi passi Gesù continua ad incontrare ciascuno di noi ( se lo vogliamo); ad incontrare persone che hanno la coscienza in disordine per essere cadute nella trappola del peccato. E, proprio perché “ coscienti” di essere in tale “ status “ di morte spirituale, sono però persone che gridano al Signore, come la donna Cananea ricordata nel Vangelo di Matteo ( 15 , 21-28) : “Pietà di me, Signore, figlio di Davide. —Signore, aiutami”.

Durante il periodo della prova tale grido diventa sempre più pressante; oggi diremmo “ sempre più invadente”.

Ma Gesù conosce profondamente, e dettagliatamente, la nostra storia, tanto che ci accompagna silenziosamente durante tutto il periodo buio e della prova,  non perché Egli voglia godere di tale situazione di peccato, quanto per tirarci poi fuori e per rigenerarci, come fu con la donna ( donna = persona ) Cananea ricurva sotto il peso della sua storia personale, o con tante altre storie riportate nel Suo Vangelo. Alla donna Cananea, che era peccatrice ma che rincorreva il sogno di incontrare Gesù sulla sua strada, rivolge ancora la sua risposta che cambia tutta la vita :”Donna, davvero grande è la tua fede, ti sia fatto come desideri”. Ovvero, la Casa del Signore è tutta spalancata. Attraversiamo la porta della salvezza; ogni giorno , per il Signore, è Giubileo.

Dal buio si passa alla luce; dalla sconfitta si passa alla vittoria; dalla prova durissima si passa alla Grazia.

E proprio questo significa “ avere fede” ! Ovvero la consapevolezza che dal peccato si passa al perdono; dal perdono alla conversione; dalla conversione alla resurrezione.

Con cuori contriti e riconoscenti, diamo quindi lode a Dio, come ci invita a fare il Salmo inserito per questa domenica liturgica: “ Dio abbia pietà di noi e ci benedica;

su di noi faccia splendere il suo volto;

perché si conosca sulla terra la tua via,

fra tutte le genti la tua salvezza”. ( Sal. 66).

( Fonte : “Riflessioni silenziose” , di  Tamaro )-