Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Bronzi di Riace: tutte le ragioni per un ampio SI alla loro partecipazione all’Expo Milano 2015

Le riflessioni raccolte da una interpretazione di Rosario Olivo, ex Sindaco di Catanzaro ed ex Presidente della Ragione Calabria
957 0

Perché alla ventitreesima Olimpiade di Los Angeles si e all’Expo 2015 di Milano no? I distinguo vengono avanzati da Rosario Olivo, ex presidente della regione Calabria ed ex sindaco di Catanzaro, in merito alla dibattuta questione se far partecipare i Bronzi di Riace alla importante kermesse milanese, che ha di fatto spaccato su più fronti le posizioni degli italiani ed anche degli europei.

Olivo, che si dice ovviamente possibilista oltre ogni ragione, sostiene difatti “che i Bronzi di Riace, autentici ambasciatori della millenaria civiltà mediterranea, possono assolvere al delicato compito di trasmettere i valori universali ed unificanti di cui sono espressione, più compiutamente in una prospettiva dinamica che comprenda, certo in occasioni eccezionali, anche il loro spostamento dal momento che, le moderne tecnologie possono offrire le necessarie garanzie sulla integrità dei due guerrieri, in condizione di indispensabile sicurezza. D’altra parte, – fa rilevare Olivo – altri celebri viaggi negli ultimi decenni hanno interessato i più importanti capolavori dell’arte di tutti i tempi, senza aver suscitato allarmi ingiustificati, ma raccogliendo apprezzamenti, consensi, maggiore attenzione e visibilità, con conseguenti ricadute positive, dal lato dell’incremento del turismo culturale, per le aree di appartenenza delle opere stesse.

Dopo aver prodotto un lungo elenco di opere d’arte cosiddette “viaggianti”, l’ex Sindaco di Catanzaro conclude testualmente:

“I milioni di visitatori dell’Expo di Milano, ma soprattutto le enormi masse di fruitori che si rivolgono ai mezzi mediatici globali, che in tutte le parti del mondo seguiranno l’evento nel corso dei sei mesi del suo svolgimento, potrebbero naturalmente associare l’immagine straordinaria dei Bronzi a quella della nostra Calabria, che merita di essere presentata non in modo distorto, ma come una delle regioni d’Italia più ricche di storia, cultura e civiltà”.