Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Calabria: nuova direttiva europea sui turni, tramite procure Nesci (M5S) chiede nuove assunzioni in sanità

521 0

Con un esposto alle procure calabresi e alla Procura di Roma, la deputata M5s Dalila Nesci ha posto il problema della tutela della salute negli ospedali, con  l’entrata in vigore della direttiva 2000/34/CE, la quale – ha riassunto la parlamentare – «accorda ai lavoratori dei riposi tassativi a tutela della loro salute». Al di là del piano di rientro, è d’obbligo – per Nesci – assumere immediatamente personale negli ospedali, in quanto la «direttiva europea obbliga a porre fine a turni e condizioni massacranti che hanno finora caratterizzato la sanità pubblica, in ragione dei continui tagli di spesa e della preminenza, giuridicamente arbitraria, di fatto accordata all’equilibrio e al pareggio dei bilanci delle pubbliche amministrazioni rispetto alla tutela del diritto alla salute».

La deputata ha lanciato l’allarme, perché – ha scritto – «allo stato  attuale, fra blocchi del turn over e riduzione del personale della sanità, sarà impossibile osservare la riferita normativa».

Chiedendo alla magistratura «l’accertamento dei fatti, dello stato della dotazione sanitaria delle strutture pubbliche della Calabria e delle eventuali responsabilità penali riferibili a eventuali condotte omissive», l’esponente 5 stelle ha evidenziato nell’esposto che «l’articolo 32 della Costituzione è senz’altro preminente rispetto agli articoli 81 e 97 sul pareggio di bilancio, che assecondano, con propria illegittimità costituzionale, volontà di organismi non elettivi connesse al sistema dell’euro».

«Appare utile evidenziare – ha precisato la parlamentare 5 stelle – che per l’art. 1 della Costituzione la moneta non può, come finora sta invece avvenendo, essere di proprietà della Bce, che la presta allo Stato, il quale s’indebita per restituirla al valore nominale, tagliando i servizi pubblici essenziali e riducendo a nulla i diritti fondamentali come il diritto alla salute di cui all’art. 32 della Costituzione».