Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Calato il sipario sulla prima edizione della rassegna culturale indipendente “Dorian – la cultura rende giovani”.

506 0
Calato il sipario sulla prima edizione della rassegna culturale indipendente “Dorian – la cultura rende giovani”.

La rassegna ideata, curata e organizzata da Giovanni Mazzei, già ideatore di “Dicerie Poetiche”, ha avuto come scopo quello di portare la cultura per le strade di Lamezia, tentando in tal modo di svecchiarle: convinzione dell’autore è quella che la cultura possa rendere giovane, che la gioventù non sia fattore anagrafico bensì culturale, uno spirito curioso, pronto alla scoperta e tendente alla conoscenza del nuovo potrà mantenersi sempre vitale e giovane, non invecchiando mai.

Il 28 maggio scorso, per il penultimo incontro della rassegna, sono stati presentati, presso l’edificio scolastico Francesco Fiorentino gli esiti, del progetto Wikipedia. Il progetto, maturato per volontà delle professoresse Marinella Gambino e Giovanna Di Cello, è stato curato nelle sue fasi realizzative dal dottor Giovanni Mazzei, il quale ha accompagnato gli studenti in un percorso durato quattro lezioni, nelle quali si è insistito soprattutto sulle nozioni di identità, tradizione, comunità e conservazione consapevole. Tutto ciò è confluito nella creazione di alcune pagine Wikipedia inerenti luoghi e personaggi di Sambiase: la Chiesa dell’Annunziata e dell’Immacolata, l’EcoMuseo Luogo della Memoria del professor Umberto Zaffina, il professore e storico Enrico Borrello e il poeta Salvatore Borelli. Presente in sala anche il figlio di quest’ultimo, il quale, visibilmente commosso, ha apprezzato molto l’attualizzazione della memoria del padre che, mediante questo lavoro, è stata compiuta.

Mercoledì 29 maggio, invece, per la serata conclusiva, è stato presentato presso il Caffè Letterario Bar del Popolo, l’opera “I ragazzi della Fiumarella” di Giovanni Petronio. Il libro analizza il disastro della Fiumarella del 23 dicembre 1961, nella quale persero la vita 71 persone (in gran parte di Decollatura), per la maggior parte ragazzi che si recavano presso i vari edifici scolastici per l’ultimo giorno prima delle vacanze natalizie. Dalle parole dell’autore, il quale ha dialogato con Pasquale Allegro, si è potuto evincere come quello della Fiumarella costituisca il deragliamento ferroviario più grave d’Italia. La serata è stata resa unica dal contributo di una delle vittime superstiti, la quale ha accettato, dopo quasi sessanta anni, di ricordare insieme ai presenti l’episodio e le tragiche scene che ha dovuto vivere.

Si chiude così questo primo ciclo di eventi della rassegna culturale indipendente “Dorian – la cultura del giovani”, la quale, si ricorda, ha avuto come ospiti la dottoressa Angelina Pettinato psicoterapeuta e insegnante nonché ambasciatrice di yoga della risata, lo storico Matteo Scalise e il redattore Antonio Pagliuso, i quali hanno affrontato la figura storica di Gioacchino Murat, Francesco Talarico e Mario Migliarese ideatori del portale “ ‘u hocolaru”, Il giardino di Armida, ospite musicale di livello, Dicerie Poetiche e, per l’appunto, i ragazzi della scuola Fiorentino e Giovanni Petronio e Pasquale Allegro.

Totalmente priva di finanziamenti e di patrocini alcuni, la rassegna si è potuta svolgere grazie alla disponibilità da parte dei proprietari dei locali che hanno messo a disposizione le proprie attività, come il Caffè Letterario Bar del Popolo, lo SLove Street Food di Fernando Cimorelli, l’EcoMuseo Luogo della Memoria. Un ringraziamento a chi ci ha prestato le apparecchiature acustiche, allo studio grafiche Garzillo per le locandine e a Francesca Ferraiuolo per la realizzazione del logo.

“Dorian – la cultura rende giovani” ha avuto anche il primato storico di portare fra le strade di Sambiase, per la prima volta in assoluto in una rassegna unitaria, l’iniziativa di carattere Nazionale Il Maggio dei Libri.