Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Coldiretti: venerdì 12 p.v. a Lamezia Terme al via il corso di social web marketing per l’agricoltura

118 0
Coldiretti: venerdì 12 p.v. a Lamezia Terme al via il corso di social web marketing per l’agricoltura

Organizzato da Coldiretti Calabria, Donne Impresa, si svolgerà venerdì 12 luglio p.v. a partire dalle 10,30 nella Sala Eventi di Coldiretti in via Massimo D’Antona,2 a Sant’Eufemia di Lamezia Terme (CZ), il corso di formazione “La comunicazione Social”. Le lezioni, introdotte dalla dr.ssa Rita Licastro responsabile Donne Impresa Coldiretti Calabria,  saranno tenute da esperti di web marketing che daranno tutte le informazioni utili per curare e gestire le aziende sui social maggiormente utilizzati. Il corso, molto richiesto dagli imprenditori agricoli calabresi, riguarda il mondo del social web marketing applicato alla realtà rurale e vedrà impegnati i partecipanti nelle lezioni di: di web, Facebook e Instagram, interazione utenti e piccoli influencer, la creatività, l’advertisig e prevede una interazione con i partecipanti che si cimenteranno in esempi  concreti. “I nuovi metodi di comunicazione servono per crescere – spiega Francesco Cosentini direttore Coldiretti Calabria – possono risultare un valido supporto per la promozione dell’impresa agricola e dei prodotti agroalimentari; è –prosegue –  una opportunità alle aziende  di comprendere e sperimentare i meccanismi e le potenzialità che il web può offrire ma anche le insidie che da esso possono scaturire se non si utilizza un approccio professionale nella gestione”. “La comunicazione online – afferma la responsabile delle donne Coldiretti Rita Licastro -, è di fondamentale importanza, per cercare di andare oltre il mercato di riferimento ed espandersi e questo è di una importanza cruciale per la nostra regione. Parlando nella rete si parla al mondo, le opportunità si moltiplicano e si riesce non solo a informare il pubblico del proprio progetto, ma anche a comunicare con lo stesso, irrobustendo  il dialogo con il consumatore”.