Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

“Come un Angelo”

,
987 0

Un giorno di primavera Miriam, è il nome di un Angelo, chiese al suo Angelo Custode, rossa con gli occhi verdi: “Perché la Mia Mamma piange?”. Le rispose: “Perché è una Donna!”. La sua Mamma, udendo il sibilo della Sua Bambina, la strinse a sé e le disse: “Non puoi ancora capire, Amore!”.

Un giorno d’estate, Miriam disse al suo Angelo: “Perché non c’è il mio Papà?”. Il suo Angelo le rispose che aveva ascoltato il Suo Papà dire che avrebbe lasciato la sua Mamma perché piange sempre, senza ragione. E’ tutto quello che seppe dirLe…..

Diventata adulta, chiese al Buon  Dio: “Signore, perché le Donne piangono così facilmente?” e il Signore Le rispose: “Quando Ho Creato la Donna, HO Avuto un Pensiero Speciale, perché Le ho donato: spalle abbastanza forti per portare la Vita nel mondo, morbide e delicate per essere confortevoli; la grazia per donare la vita, la delicatezza di accettare il rifiuto che spesso viene da chi dice di amarla, persino dai suoi stessi figli; Le ho donato: la forza di combattere quando tutti abbandonano il campo della responsabilità e del dovere; di condurre la Famiglia senza pensare alla fatica, alla malattia; Le ho donato: la sensibilità di Amare i Suoi Figli di un Amore incondizionato, così grande da non pensare a Se Stessa, anche quando la feriscono ….. duramente; di sopportare il marito nei momenti di debolezza e di stare al suo fianco senza cedere. Infine, Le ho donato due Smeraldi che grondano lacrime cristalline, da versare quando ne sente il bisogno, così pure da contemplare e da farcene specchiare…..”

Allora il Buon Dio sussurrò: “Vedi, Figlia Mia, la Bellezza di una Donna non è in quello che indossa, nella sua chioma, La Meraviglia, io direi Il Miracolo, risiede nei Suoi Occhi……. Perché è la porta del Suo Cuore, il Focolare del Suo Amore……….. basta una scintilla!!!”

                                                                                                                                          Dedicato a Violante Placido,

                    a Nevic e la sua Mamma.