Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Commissione elettorale, Cristiano Mtl replica al Sindaco

787 0
Commissione elettorale, Cristiano Mtl replica al Sindaco

Dopo la riunione della Commissione elettorale ecco la nota di MTL a firma del consigliere Massimo Cristiano componente della medesima e del portavoce Fernando Giacomo Isabella.

Durante la riunione per la nomina degli scrutatori, purtroppo, è andato in onda un film già visto troppe volte. Ancora una volta il sindaco, della legalità, ha avuto un atteggiamento strumentale ignorando la circolare del Prefetto di Catanzaro: una missiva dove il massimo esponente del Governo a livello locale spiega in modo chiaro e netto su come comportarsi in questa tornata elettorale, ovvero in rif. alla massimo_cristiano_mtl_400legge 8 Marzo 1989, n° 95 e sue modifiche, art. 6 comma 2 cosi recita:alle nomine di cui alle lettere a), b), c) si procede all’ unanimità. Qualora la nomina non sia fatta all’ unanimità, ciascun membro della commissione  elettorale vota per un nome e sono proclamati eletti coloro che hanno ottenuto il maggior numero di voti. A parità di voti è proclamato eletto il più anziano.

Il primo cittadino, ha danneggiato ancora una volta i lametini pensando esclusivamente alla sua campagna elettorale. Tale comportamento è portato avanti, ormai da lungo tempo, in modo scientifico e autoritario: come quel bambino che gioca a calcio e con la partita persa, abbandona il campo portandosi via il pallone. Perché il sindaco non spiega che abbiamo sempre dichiarato la nostra disponibilità al sorteggio, ma in maniera pubblica in piazza con delle palline, e non con programma di computer non certificato, aspetto questo gravissimo per un ente pubblico. Perché non spiega che la dirigente Nadia Aiello chiamata in causa in commissione ha dichiarato che il Comune non è riuscito ad avere nei modi e nei tempi utili nessun elenco di disoccupati dall’ufficio del pubblico impiego? Perché non spiega che abbiamo chiesto l’annullamento delle ultime nomine in virtù del suo modus operandi. “L’ obiettivo del Sindaco- afferma il consigliere Massimo Cristiano- era chiaro sin dalla prima ora, ovvero, lui dalla parte del salvatore della patria,del bravo, dell’ onesto, e noi altri i cattivi della storia. Un atteggiamento strumentale e poco rispettoso delle istituzioni, delle regole e anche della figura del Prefetto. Lo stesso Sindaco insieme al suo Consigliere comunale Palazzo, per come è avvenuto venerdi , non ha permesso il regolare svolgimento della seduta abbandonando i lavori, vietando ai componenti di esprimersi in un voto , un comportamento femmineo che non si addice ad un primo cittadino. Perché il Sindaco non chiede alla cittadinanza cosa pensa in merito all’ ultima tornata elettorale, dove è andato in onda un vero e proprio bluff. Dichiarando che venivano nominati tramite sorteggio persone disoccupate invece abbiamo rinvenuto di tutto e di più: interi nuclei familiari, occupati, liberi professionisti e quant’ altro. Paghi Lei Sindaco di tasca propria gli eventuali oneri dovuti al commissariamento, dato che in città ci sono problemi molto più seri delle sue sceneggiate. In realtà, Speranza ha portato a termine il tentativo arbitrario di destabilizzare il normale lavoro di una semplice commissione quindi confondendo una normativa di legge in una spartizione che credo solo lui conosca . Per Fernando Giacomo Isabella, portavoce del partito è sconfortante come una questione di normale amministrazione si è trasformata in un vero e proprio caos. Quindi, i cittadini si domandano come questioni più “delicate” possono essere risolte in modo positivo e in poco tempo dall’Amministrazione Speranza.