Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Concorso Nazionale Premio Giovanni Grillo”- terza edizione-

Cerimonia di premiazione scuole vincitrici
396 0

Si  è svolta  venerdì 26 gennaio, presso la prestigiosa Sala del Tricolore della Prefettura di Catanzaro, alla presenza del Prefetto e delle autorità civili, militari e religiose, la cerimonia di premiazione dei lavori delle scuole secondarie di primo e secondo grado che hanno partecipato alla terza edizione del concorso, promosso dalla Fondazione Premio Giovanni Grillo in collaborazione con il MIUR e con il patrocinio dell’Aeronautica Militare.

 Il Premio Giovanni Grillo,   istituito da Michelina Grillo, quale premio alla memoria del padre Giovanni, militare italiano deportato nei campi di concentramento tedeschi durante l’ultimo conflitto mondiale, è stato realizzato in collaborazione con il MIUR e con il patrocinio dell’Aeronautica Militare.

Gli studenti hanno partecipato al Concorso con la produzione di lavori individuali e/o di gruppo, presentati sotto diverse forme e tipologie: racconti fotografici,  Opere Artistiche e Riproduzioni Grafiche e Plastiche, Video Clip.

Gli alunni, attraverso il libro Giovanni Grillo da Melissa al lager dello scrittore e giornalista RAI Gennaro Cosentino, hanno approfondito gli aspetti più significativi ed importanti della sua storia, con un unico e importante obiettivo: “Riaffermare e difendere i valori universali della libertà e della pace, che sono alla base dello sviluppo democratico della nostra Repubblica”.

Alla cerimonia  hanno partecipato  moltissimi Istituti scolastici in rappresentanza di tante  regioni d’Italia.

Le opere, attentamente valutate dalla Commissione all’uopo costituita, hanno saputo accendere un  prezioso segnale di speranza in un momento della nostra storia contemporanea, contraddistinto dal pericolo di nuove derive di intolleranza e violazione dei diritti civili.

Alla numerosa platea di ragazzi giunti da ogni parte d’Italia, Michelina Grillo si è così rivolta:

“Grazie, ragazzi, perché portate il passato nel presente.

Grazie perché riscoprite la memoria per riconsegnarcela.

Grazie perché  fate vivere la storia.

Historia magistra vitae: è fatta di date memorabili, grandi nomi e grandi uomini, quelli che lasciano il segno e vengono riportati nei libri.

Eppure, accanto, silenziosamente e quasi di nascosto,  si affianca un esercito di persone, le cui vite forse non saranno degne di memoria sui tomi scolastici, ma le cui storie personali lasciano comunque un segno profondo in chi gli è vicino: un patrimonio che ognuno di noi spesso ha tra le mani, anche senza saperlo.

Un antico proverbio indiano recita così:

“ Dimmi un fatto e apprenderò,

dimmi una verità e crederò,

ma raccontami una storia e vivrà  nel mio cuore per sempre”

La narrazione ha un potenziale pedagogico e didattico,

E’ uno strumento per penetrare in profondità; permette di rendere comprensibile, comunicabile e ricordabile il vissuto.

Le storie persuadono: divengono sempre, o quasi, mezzo di condivisione.

E la storia di mio padre, raccontata con documenti autentici dal giornalista della Rai  Gennaro Cosentino, nel libro Giovanni Grillo da Melissa al lager, persuade, stimola  e suscita in voi ragazzi, grandi emozioni; vi consente di ricostruire la macrostoria attraverso l’immedesimazione con le vicende di un singolo; attraverso la storia di un singolo, fate memoria di una pagina triste della Storia con la S maiuscola, mai raccontata abbastanza.

Le persone tendono a dimenticare. C’è bisogno di voi, ragazzi. La vostra attenzione è molto importante. Non fate memoria per voi stessi, ma per rendere migliore l’oggi e il domani.

Il vero potere dei ricordi non sta nell’esattezza di ogni avvenimento, il che è impossibile. Piuttosto nella capacità di raccordare i cuori,perché nello scorrere, resti solo l’essenziale”.

E’ seguita, poi, la proclamazione delle scuole vincitrici:

Menzione speciale per le scuole secondarie di secondo grado  al Liceo Classico Oliveti di Locri  (Reggio Calabria);

Menzione speciale per le scuole secondarie di primo grado all’Istituto Comprensivo di Busalla  (Genova);

Primo  premio per le scuole secondarie di secondo grado all’Istituto d’Istruzione Superiore F.Morano di Caivano (Napoli)