Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Cosa ci lascia il Santo Natale- Piatto da meditare

409 0
Cosa ci lascia il Santo Natale- Piatto da meditare

*In partenza da una vita priva di sogni in cammino verso un segno da contemplare!*  Nel cuore della notte di Betlemme l’eterno irrompe nella storia. Ma la notte dice solo fedeltà ai vangeli? No! Dice anche la fatica di vedere e di camminare con disinvoltura, un po’ come la nostra fede dubbiosa reticente incostante. Una  notte che _creiamo_ noi stessi, magari con luci illusorie che manipolano le stesse feste cristiane. In questa notte si manifesta, nel volto di Cristo, una grazia apportatrice di salvezza. Dall’angoscia alla gioia, dall’umiliazione alla gloria, dal buio al chiarore. Una grande Luce, una fede non marginale ma essenziale e centrale, che incontra la vita e si incarna. *In questa fede ci giochiamo la nostra libertà* . Una libertà provocata da un bambino che nasce in un luogo di fortuna. Siamo disposti a puntare la nostra vita sulla Sua Parola?  *Admirabile commercium* , avviene un meraviglioso scambio tra la divinità del Salvatore e le nostre miserie umane, al fine di renderci come Lui, figli amati. *Ciò che non è assunto non può essere salvato.* Ma io so da cosa voglio essere salvato?  E soprattutto attraverso quale sentiero posso raggiungere la salvezza? I segni di questa notte ci aiutano. I primi destinatari dell’annuncio i *Pastori* ,  inaffidabili itineranti, sempre pronto a viaggiare,  non sedentari come farisei sacerdoti e scribi.  *Troverete* dice un cammino di ricerca, un *bambino* segno della fragilità e della debolezza con cui DIO si offre, *in fasce* un Dio nascosto che deve essere svelato, in una  *mangiatoia* esprime la sua povertà e il farsi cibo. La Notte di Betlemme è comunione definitiva tra cielo e terra. E tu? vuoi diventare complice di questo annuncio? Buon meditazione