Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Cosenza- Tanti i consensi registrati dalla FIERA DELLE ARTI CONTEMPORANEE “ARTEXPO”

L’evento artistico- culturale s’è svolto nello storico e suggestivo Complesso del San Domenico di Cosenza-
385 0
Cosenza- Tanti i consensi registrati dalla FIERA DELLE ARTI CONTEMPORANEE “ARTEXPO”

Il riscontro finale dell’importante e significativa “Fiera delle Arti Contemporanee” , andata in archivio proprio da poco  e che per alcuni giorni ha dato maggior lustro alla Città di Cosenza, suggella in maniera netta e contraddistinta il successo di questa   nobile iniziativa sostenuta in primis dalla Camera di Commercio di Cosenza e dal Comune del capoluogo bruzio, ospitata nel Chiostro Monumentale di San Domenico.

Una chicca nella chicca è stata l’ineccepibile direzione artistica  offerta dal critico d’arte, dottor Gianfranco Pugliese.

Un evento, questo, che è arrivato al meritato successo grazie all’esperto interessamento dell’Associazione culturale “Artexpo” e che si distingue nel chiamare in causa parecchie eccellenze calabresi: dalla musica alla fotografia; dalla scultura alla pittura, bypassando   per la storia per “le diverse identità territoriali” che fondano l’anima della nostra splendida ed eterogenea provincia”

E’ quanto sostenuto, del resto, dall’autorevole giudizio emesso dal Presidente della Camera di Commercio di Cosenza, Klaus Algieri, secondo cui “Artexpo” è un evento di promozione delle Arti contemporanee che rappresenta un ‘occasione importante per dare spazio alle forme d’espressione più alte che un territorio possa produrre e, grazie allo sguardo e al talento degli artisti che vi sono nati o che lo hanno in qualche modo vissuto, raccontarne quella bellezza che purtroppo a volte ci sfugge”.

Un commento di eguale spessore ed unicità di giudizio lo possiamo benissimo estrapolare da uno spezzone di intervista rilasciata sulla medesima iniziativa, dal Sindaco della Città di Cosenza, Mario Occhiuto, secondo il quale “questa vetrina delle arti contemporanee evidenzia l’attenzione sul presente e sul futuro di una città dinamica come Cosenza, non dimenticando tuttavia la propria storia, da cui spesso nascono nuove ispirazioni”.

Per tale convergente giudizio di unanime condivisione, Occhiuto resta sempre più convinto che “dove ci sia creatività ci sia innovazione”.

Ma se questa Fiera delle Arti Contemporanee si chiude con un meritato ed elevato grado di efficacia tecnica, artistico ed espressiva, lo si deve anche al fatto che a rendere robusto questo evento  sia stato proprio l’apporto di bravura delle varie scuole che vi hanno interagito e grazie anche alle mani ed alle  menti creative di alcuni altri artisti provenienti da altre zone geografiche d’Italia, rendendo la pittura, l’arte , i loro stessi protagonisti dei paladini del nuovo che verrà, proprio perché la creatività genera risorse a cascate continue, fresche di Gioventù, come fonte sorgiva di acque  placide e limpide.

Tutti gli artisti presenti a Cosenza hanno raccolto tanti e variegati e meritati consensi. Sono stati in tutto oltre un centinaio, a dimostrazione che l’arte   ha quell’elemento in più per essere degni discendenti di un protagonista della storia che non morrà mai.

Ci piace segnalare (anche perché proviene da una routine di successi personali a ripetizione): l’artista Melina Palaia Cataldi, dimostrando di essere già in forma per approdare alla Biennale di Roma nella prossima primavera, nonché ad altre iniziative che man mano le verranno sottoposte.

Ma è quanto meno irriguardoso non  citare alcuni protagonisti ammirati nel corso dell’importante evento artistico :  da Lorenzo Iannazzo a Maria Pia Iannazzo; da  Valerio e Marcello Montoro a Paola Gravina; da Sonia Bellezza a Graziella Ciliberto, e così via.

Sta di certo che questa edizione della “ Fiera delle Arti Contemporanee” va in archivio, lasciando con se i soavi profumi di indimenticabili forme espressive di un’arte che si inserisce nell’eterno delle opere presentate.