Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Creazione artistica partecipata a piazza Botticelli

Nella zona di Lamezia Terme Sambiase, una singolare iniziativa fino al 22 novembre, promossa da Aleph Arte
727 0

L’attività culturale promossa dall’Associazione Culturale Aleph arte si inserisce nel Progetto Integrato di Sviluppo Urbano della Città di Lamezia Terme – POR CALABRIA FESR 2007–2013, Bando Pubblico per la selezione di iniziative della “Cittadella dell’Altra Economia” da realizzare nel Mercato Coperto di piazza Botticelli di Sambiase, contribuendo a creare uno spazio nel quale l’individuo diventi il fulcro e il riferimento di un modello economico e culturale alternativo. Una modalità di partecipazione e condivisione che si contraddistingue per il valore attribuito alle risorse umane ed ambientali, garantendo un’equa distribuzione dei beni a vantaggio della comunità.

Attraverso questo progetto, l’Arte Pubblica di cui, in questa occasione, l’Associazione Culturale Aleph Arte è promotrice vuole, in qualche modo, ricondursi proprio all’ “abitare poetico” di cui parla Heidegger: essere autenticamente pubblica, vale a dire vicina all’essenza delle cose, non Aleph_Arte_MercatoBotticelli_LAmeziaTermefermandosi a un modo di “fare” autoanalitico ed autoreferenziale totalmente incentrato sulla propria essenza estetica e linguistica.“Abitare Poetico” nasce dalla premessa teorica di un approfondimento delle pratiche relazionali in campo artistico per giungere alle cosiddette pratiche partecipate. L’arte può dirsi pubblica soltanto quando crea un legame, un contatto con il fruitore e con il contesto in cui opera, pertanto, l’Associazione Aleph si fa interlocutrice di una forma d’arte che intende rivolgersi al pubblico.

Già da tempo, Aleph Arte ha avviato il progetto in sinergia con le scuole del territorio attraverso visite guidate nel Centro Storico e interventi di sensibilizzazione e in questo periodo prosegue la fase laboratoriale che si svolge all’interno di un luogo simbolo di socialità come il Mercato di Piazza Botticelli.

I partecipanti privilegiati saranno coloro che frequentano occasionalmente il Mercato, ma saranno attivamente coinvolti gruppi di cittadini che volessero condividere e prendere parte all’iniziativa, nonché gli studenti di ogni ordine e grado delle scuole del territorio, adottando la modalità di partecipazione già sperimentata dall’Associazione Aleph Arte con le istituzioni scolastiche e il tessuto sociale.I prodotti realizzati durante i vari laboratori saranno, appunto, operazioni sul metodo relazionale, riflessioni sul superamento dell’arte intesa in termini autoreferenziali, sulla sua funzione etica e sul ruolo dell’artista.

Quest’ultimo infatti, in un contesto relazionale, recupera una sua dimensione sociale in rapporto alla collettività, divenendo fautore di processi estetici che ripristinano uno spazio vitale di scambio, attraverso la partecipazione attiva del pubblico.

 L’estetica quindi non come fine, isolata dal resto, ma come mezzo, strumento utile a innalzare la qualità della vita, soprattutto in periodo di crisi.Alla base c’è l’idea di unire progettazione e produzione, unificando il tradizionale divario tra artista e pubblico attraverso una creazione partecipata, un punto di incontro che offra la possibilità di articolare scambi sociali e culturali non standardizzati, ampliando l’accessibilità ai servizi e alla cultura. L’idea progettuale è AlepH_Arte_LAmeziaTErme_MercatoBotticelliinfatti quella di mettere al centro dell’intera iniziativa lo scambio attraverso il quale la cittadinanza assieme all’artista Antonio Pujia Veneziano opererà alla realizzazione di una singolare opera d’arte collettiva. Sambiase avrà quindi un assaggio del mondo artistico contemporaneo di qualità, molto sviluppato nei circuiti collaudati delle grandi città, ma totalmente assente nei piccoli centri.Adottando la logica “dell’altra economia” si intende far incontrare la creazione dell’artista con un numero sempre maggiore di pubblico creando un prodotto artistico partecipato che potrà avere la forma di un pannello in ceramica realizzato a più mani, di un’opera collettiva legata alla natura del luogo.

Le attività proseguiranno con altri incontri, durante l’orario di apertura del mercato, fino al 22 Novembre 2014.