Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Da Cristiano solo chiacchiere e distintivo

836 0

Irpef  esente per 23 mila persone, Tasi al minimo dell’1 per mille, Imu al 5 per mille per i possessori di case di lusso e superlusso. Questa è la realtà dei tributi, obbligatori per legge, proposti dalla giunta e votati, ma il solito Cristiano gioca ad imbrogliare le carte.

Ad affermarlo in una nota stampa è Giandomenico Crapis, Consigliere Comunale di Sel il quale attacca il suo collega “Abusa abilmente della credulità di qualcuno. Ma la sua veemenza  nel denunciare presunti danni irreparabili, dissesti che non ci sono, ribellioni alle porte, sbanda alla prima curva, quando si capisce che il suo emendamento all’IMU  che voleva abbassare dal 5 al 2 per mille un’imposta che pagano solo i possessori di case superlussuose o di ville, va in tutt’altra direzione che la sbandierata difesa dei più deboli: di fatto solo un favore ai più ricchi”. L’esponente Vendoliano continua la sua arringa specificando che “qui davvero la sua battaglia a favore dei meno abbienti mostra tutta la sua  vaghezza e confusione. La stessa Irpef che negli altri comuni calabresi è applicata al massimo e senza sconto,  a Lamezia non la pagheranno, per decisione della giunta, gli esenti sotto i 15 mila euro cioè ben 23 mila cittadini. Questi sono i fatti. Il resto sono solo chiacchiere e distintivo, comprese le accuse di partito trasversale, visto che Forza Italia, Udc e Ncd si sono battuti come leoni per provocare il dissesto. E lui con loro”