Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Domani incontro pubblico con Don Di Noto

860 0

Domani 5 Novembre alle ore 18:30, presso il salone Giovanni Paolo II del Seminario Vescovile ci sarà un incontro pubblico con Don Fortunato Di Noto, fondatore dell’associazione Meter che dal 1986 porta avanti la battaglia contro la pedofilia e lo sfruttamento dei bambini. Una sede dell’associazione è stata aperta, lo scorso febbraio, anche nella città della piana ed il suo gruppo territoriale è stato impegnato in tutto il 2014 in una intesa attività di sensibilizzazione, informazione e prevenzione contro la pedofilia e la violenza sui bambini. Per il 2015 in programma vi è l’apertura a Lamezia Terme anche di uno sportello che abbia la funzione di aiuto e sostegno alle persone.

Don Fortunato Di Noto nasce ad Avola (Siracusa) il 18 febbraio 1963. Nel settembre del 1984 entra in Seminario, nella diocesi di Noto ed inizia gli studi filosofici e teologici presso la facoltà teologica «S. Paolo» di Catania. Prosegue, poi, la sua formazione presso l’«Università Pontificia Gregoriana», conseguendo la licenza in «Storia della chiesa». Il 3 settembre 1991 viene ordinato sacerdote.

A livello istituzionale ha rivestito e riveste tutt’oggi importanti incarichi presso l’Osservatorio nazionale contro la pedofilia, alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e presso l’Osservatorio nazionale dell’infanzia e dell’adolescenza; dal 2002, è stato consulente del ministero delle Comunicazioni per le politiche dell’infanzia ed ha elaborato il “Codice di Autoregolamentazione Internet@Minori”, partecipando al Comitato di garanzia e tutelaInternet@Minori che fa capo a tale ministero; è stato membro del comitato scientifico «Ciclope» della presidenza del consiglio dei ministri e dal 2004, è altresì membro del comitato scientifico della Polizia Postale e delle Comunicazioni, contro il fenomeno della pedofilia e della pedopornografia; fa parte del comitato scientifico dell’ICAA (International Crime Analysis Association) e del Copercom (Coordinamento per le comunicazioni, della Conferenza Episcopale Italiana).

In 21 anni di impegno a tutela dell’infanzia è stato relatore in circa 2.400 convegni, seminari e incontri come esperto nelle problematiche dell’infanzia e sulla pedofilia. I suoi studi sono riconosciuti a livello internazionale da meritare anche servizi di approfondimento nelle riviste scientifiche e giornalistiche. Numerosi sono i riconoscimenti nazionali ed internazionali che sono stati consegnati a don Di Noto, fra cui l’alta onorificenza di «Cavaliere della repubblica italiana» per l’impegno profuso nei confronti dell’infanzia. Al suo attivo ha numerosi articoli e saggi in riviste nazionali e internazionali sul tema dello sfruttamento sessuale dei minori, è inoltre autore di importanti testi.