Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Ente Fiera, Forza Italia chiede che il nodo venga sciolto

Nota del vicecoordinatore cittadino degli azzurri che non risparmia critiche al Presidente Vento
,
859 0

Riceviamo e pubblichiamo dal vicecoordinatore cittadino Alessandro Cordiano

Al netto delle sterili polemiche sui presunti  propositi vendicativi o eventuali speculazioni politiche perpetrate tra amministratori della stessa maggioranza, risulta più che opportuno affrontare con la massima serietà la questione Ente Fiera sollevata dal consigliere Ruberto, per il bene della città e dei processi economici e produttivi legati ad un Ente comunale avente più di quarant’ anni di storia. E’ inconfutabile il vulnus della gestione Vento che al netto della consueta rassegna Fiera Agricola 2016 non è riuscita nell’azione di rilancio precedentemente promessa dall’attuale Presidente, i cui programmi sembravano esser proiettati verso un’inversione di tendenza rispetto al decennio passato con linee organizzative plurali e continue nel corso dell’anno e non ridotte all’ unica e sola manifestazione monotematica organizzata di consuetudine a ridosso della festività di San Biagio. Ma se anche si volesse soprassedere ai buoni propositi gestionali e organizzativi  andati ancora una volta in fumo per una o più ragioni, l’etica della gestione pubblica prima e quella della buona politica per la città dopo impone, senza scusanti, la massima chiarezza e trasparenza in tutti gli aspetti amministrativi e contabili dell’ente. La denunciata negazione di accesso agli atti richiesti da un consigliere comunale si pone come questione di assoluta gravità istituzionale, che, oltretutto,  interroga la comunità sui reali motivi per i quali  il presidente Vento tentenni sul rilascio della documentazione richiesta, da visionare. Forza Italia, come solita forza politica vigile e garante della comunità cittadina, auspica che il nodo della matassa venga sciolto in tempi brevissimi, augurandosi che non accadano più inciampi istituzionali così gravi e soprattutto che la gestione amministrativa dell’Ente Fiera sia stata condotta, in questo anno e mezzo,  nel massimo della trasparenza e secondo coscienti criteri economico-programmatici che abbiano migliorato la già precaria situazione contabile e non che, a maggior ragione, abbiano aggravato ancor di più la posizione debitoria pregressa.