Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

EX TRIBUNALE, necessaria Azione Territoriale. Anche i Giuristi cattolici di Rossano l’11 Maggio a Roma: La Regione si schieri di fianco ai cittadini

282 0

ROSSANO – Con la chiusura del Tribunale di Rossano la Sibaritide ha pagato uno scotto altissimo ma deve, allo stesso tempo, trovare il coraggio, l’orgoglio e la determinazione per pretendere la doverosa restituzione di un presidio di giustizia. È necessaria un’azione territoriale che veda in prima linea le Istituzioni, le forze sociali e i cittadini. Ma serve che in questa battaglia di rivendicazione del diritto alla giustizia i cittadini, le associazioni ed il mondo dell’avvocatura, sulle barricate orami da cinque anni, trovino – così come ribadito di recente – il sostegno convinto e deciso dell’Istituzione regionale e, in primis, del Presidente Oliverio.
Partendo da questa premessa e con queste motivazioni il presidente dell’Unione dei Giuristi Cattolici Italiani di Rossano, Avv. Graziella Guido, già componente del Gruppo d’Azione per la Verità (GAV) sull’ex tribunale della Sibaritide, annuncia l’adesione dell’UGCI alla manifestazione di protesta in programma per il prossimo Giovedì 11 Maggio 2017 a Roma, in Piazza del Quirinale, davanti alla residenza del Presidente della Repubblica.
«Noi ci saremo – annuncia l’Avv. Guidoper rivendicare il diritto alla giustizia, negato ai cittadini della Sibaritide, ma soprattutto per rappresentare alla massima carica dello Stato il disagio di un territorio depredato di tutti i servizi primari. Non chiediamo – aggiunge – di fare chiarezza sui motivi che hanno portato alla chiusura del Tribunale di Rossano, perché sarebbe un esercizio che porterebbe a scoprire ragioni scontate, consumate e comunque mai esaustive. Avere un resoconto dettagliato sull’inefficienza dell’accorpante Tribunale di Castrovillari è, invece, un dovere del Governo centrale e del Presidente della Repubblica verso circa 150mila cittadini ai quali è stato sottratto ingiustamente il più autorevole presidio dello Stato.
Ci poniamo in un atteggiamento positivo e propositivo
– precisa ancora il Presidente Guido – nei confronti di quella che deve essere una class action territoriale che faccia valere i diritti inespressi e non riconosciuti degli abitanti di tutta l’area ionica cosentina. Ed in questo processo di rivendicazione ci uniamo al coro di quanti, a giusta causa, chiedono il sostegno delle Istituzioni locali e calabresi. Innanzitutto della Regione Calabria e del Presidente Oliverio. Perché – prosegue – non si può pretendere la partecipazione dei cittadini se chi Governa, a tutti i livelli, non si assume la responsabilità di rivendicare le giuste pretese della gente. Che in questo caso non si limitano alla semplice riattivazione di un servizio primario, qual è un Tribunale, ma alla restituzione e al riconoscimento – ribadisce ancora la Guido – del diritto alla Giustizia. E finché questo equilibrio, in un’area difficile e complessa come la Sibaritide, non verrà ristabilito continueremo quotidianamente a sollecitare – conclude – una ragione oggettiva che non può rimanere più inascoltata».