Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Femminicidio: slitta a fine novembre la data del Piano antiviolenza

896 0

«Il piano nazionale antiviolenza sarà varato entro ottobre e il piano di riparto per i fondi destinati ai centri antiviolenza sarà operativo a luglio!».
Con queste parole lo scorso giugno, in commissione Affari Sociali, il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega alle Riforme Ivan Scalfarotto, rassicurava i soliti disfattisti sull’attuazione delle misure contenute nel cosiddetto “decreto sul femminicidio”.
In seguito ai dati allarmanti che nel 2013 avevano visto solo in Italia ben 129 donne ammazzate in ambito domestico, il piano nazionale antiviolenza avrebbe meritato maggiore considerazione perché capace di includere diverse aree di intervento e coinvolgere tutti i soggetti e gli enti interessati, dai ministeri agli enti locali, fino alla rete di associazioni che lavorano sul territorio. Ma l’indolenza con cui ci si è attivati, anzi, disattivati, racconta tutta un’altra storia.
Oggi, come testimonia il calendario, è sopraggiunto anche l’ultimo giorno di ottobre, inoltre il mese di Luglio è trascorso da un pezzo e dei finanziamenti, i 17 milioni di euro previsti dal cosiddetto “decreto femminicidio” e dalla legge di Stabilità per gli anni 2013/14, sono state erogate solo poche briciole.
Sul monte complessivo dello stanziamento si parla di un mero 20%. Il resto è stato messo da parte per “programmi futuri” o per una non meglio precisata “programmazione”.
Dall’insediamento del governo, la delega alle Pari Opportunità è sempre stata nelle mani di Renzi il quale, con tutta calma, solo il primo giorno di ottobre, ha deciso di affidarla alla deputata mantovana del Pd Giovanna Martelli: non di un vero e proprio ministero si tratta ma di una delega, un incarico da consigliera con responsabilità molto limitate. Solo la scorsa settimana, a margine della Conferenza sull’uguaglianza di genere in Europa alla Farnesina, Martelli ha assicurato che il governo sta lavorando al Piano straordinario antiviolenza.
Adesso la promessa è che i tavoli avviati saranno chiusi sicuramente entro il 25 novembre, in occasione della ‘Giornata internazionale contro la violenza domestica’.
L’ennesimo slittamento.
Segniamoci anche la data del 25 novembre.
Nodo al fazzoletto.