Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Ferragosto 2014: gusti e preferenze degli italiani

La Coldiretti traccia una pista di analisi e purtroppo si scopre che molti valori si stanno modificando !
736 0

Mancano ormai poche ore soltanto per il primo rientro dall’esodo di Ferragosto, anche se gli italiani in vacanza approfitteranno delle code del sabato e della domenica per rimanere ancora fuori casa.

Ma, da un primo dato di analisi, così come fa la Coldiretti, solo il 15 per cento degli italiani ha scelto di trascorrere il giorno di Ferragosto secondo tradizione a pranzo con un picnic all’aria aperta con barbecue o al sacco, mentre la metà (50 per cento) è rimasto a casa e l’11 per cento da parenti e amici.

Tutto questo anche complice il maltempo che in varie parti del Centro Nord è stato inclemente, addirittura di sapore autunnale. La qualcosa sta portando anche al cambiamento nel comportamento degli italiani, ai quali piace restare preferibilmente in città e, se titolari di esercizi pubblici, rimanere con le saracinesche alzate.
Se l’apertura degli ipermercati non è una novità, moltissimi piccoli negozi hanno deciso di non abbassare le saracinesche per cercare di risollevare i bilanci pesantemente colpiti dalla crisi ma a questi si sono aggiunti i sempre più numerosi mercati degli agricoltori di campagna amica in città, dove è possibile acquistare senza intermediazioni prodotti alimentari freschi col miglior rapporto prezzo/qualità.

A casa, nei ristoranti, negli agriturismi ma soprattutto nei picnic l’aria della festa si avverte soprattutto a tavola dove a prevalere sono comunque – sottolinea la Coldiretti – i piatti regionali della tradizione di Ferragosto: dalla caponata di melanzane, tipicamente siciliana, alle frittole di maiale calabresi, dalla pastasciutta al sugo di papera, che sono un cavallo di battaglia dell’ Umbria, agli zitoni di Ferragosto, tipica pasta caratteristica della Costiera Amalfitana condita con pomodori freschi e secchi, dal coniglio all’ischitana tipico dell’Isola del Golfo di Napoli alle lumache di Belluno.

Gli italiani – sostiene la Coldiretti – mostrano di apprezzare l’opportunità di accoppiare i piaceri della vacanza a quelli del mangiare sano e per Ferragosto vengono privilegiati gli agriturismi che sono stati scelti secondo Terranostra da circa trecentomila vacanzieri, stabili rispetto allo scorso anno e in netta controtendenza rispetto alle altre forme di ristorazione dove c è una vera débâcle.

Mentre da Roma in su si nota una certa vivacità a visitare e ad apprezzare le opere d’erte e culturali in genere, al Sud questo manca completamente; musei, biblioteche e visite guidate sono soltanto riportati su depliant, letti da pochi turisti i quali si meravigliano pure di trovare le porte sbarrate. Restano soltanto poche chiese aperte, ma non tutte: anche queste, purtroppo, fanno parte di un vissuto che non è più quotidiano e nemmeno di stagione.

Tutti in vacanza, ma il discorso non tange Papa Francesco, in giro per il mondo come il globetrotter di Dio.

Se così stanno le cose, grazie per davvero, Papa Francesco !