Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

“Fratelli d’Italia sosterrà lealmente l’impegno di Arturo De Felice alla Sacal”

606 0

«La nomina del nuovo Consiglio d’Amministrazione della Sacal ed in particolare la nomina di Arturo De Felice a presidente della società aeroportuale calabrese restituisce prospettiva ed un elemento di certezza ad un comparto, quello del trasporto aereo, strategico e primario per l’economia calabrese e per ogni prospettiva di sviluppo.»

«Lo scenario che si apre nel contesto aeroportuale calabrese, con l’integrazione sotto un’unica società dei tre scali è certamente complesso, tanto da non consentire errori nell’elaborazione di un piano industriale capace di integrare e migliorare su tutti gli scali calabresi, con particolare attenzione alle esigenze di mobilità dei diversi territori, nonché le esigenze di raggiungere la Calabria condizione essenziale per un serio rilancio del comparto turismo, unica voce attiva del PIL calabrese insieme all’agricoltura.»

«Sappia il presidente De Felice – continuano Pittelli e Serraoche all’interno della società Sacal esiste un patrimonio umano di grande professionalità e di grande conoscenza dell’aviation, consolidato in anni di esperienza, che ha soltanto l’esigenza di essere apprezzato e messo finalmente a regime. Il presidente De Felice saprà certamente operare in questo senso, garantendo come è suo costume quell’elemento di indipendenza nelle scelte e nella governace, attingendo al suo background culturale e professionale, riconosciuto a tutti i livelli. Fratelli d’Italia saprà essere da stimolo all’azione del presidente De Felice, in termini assolutamente oggettivi, non fosse altro – sottolinea il sen.Pittelli – per quel rapporto di sincera e fraterna amicizia che mi lega ad Arturo De Felice».

Inizia una nuova era nel trasporto aereo in Calabria e Sacal dovrà saper recitare la sua parte, restituendo, almeno per quanto le appartiene, il diritto ai calabresi a spostarsi, rompendo almeno in parte quel sentimento di isolamento, che è funzionale prima ancora che culturale.