Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Gattari, il nuovo capitano della Vigor Lamezia: un onore per me indossare questa maglia

Gattari il nuovo capitano biancoverde, subentra a Mangiapane
776 0

In una precedente intervista, il nuovo vice capitano della Vigor Lamezia, Domenico Giampà, aveva più volte puntualizzato che c’è tanta voglia di correre, di migliorarsi, di far bene in questo seppur difficile campionato di Lega Pro unica. Ed in effetti, i primi “assaggi”, i primi scatti, i primi tentativi di amalgama si notano tutti in questi primissimi giorni di inizio preparazione, che mister Erra ha preferito far svolgere al D’Ippolito, prima di “salire” in vetta, sulle stupende alture silane, dove verrà intensificata e completata la preparazione pre campionato.

Dal vice capitano al capitano, anche lui nuovo di zecca come responsabilità, essendo subentrato a Benny Mangiapane, per una nuova avventura e per iniziare il suo quarto anno tra le fila dei biancoverdi lametini: Filippo Gattari, con il quale intavoliamo una sintetica ma significativa prima intervista.

Gattari, un altro anno in biancoverde, tra tanti nuovi e tantissimi giovani.
Sono felicissimo di avere rinnovato il contratto con la Vigor Lamezia. Felicissimo di disputare questo campionato storico e a provare a cimentarmi nella vecchia C1, dove – d’altronde – non ho mai giocato. Per me è un’esperienza nuova: lo sento tantissimo come lo può sentire un lametino, anche perché è il quarto anno ed è un orgoglio per me indossare ancora questa maglia.

Tra i pochi anziani e tra cotanta abbondanza di giovani. Serve allora maggiore amalgama?
Ci sarà veramente tanto da pedalare e da correre. Dobbiamo essere bravi a mettere nelle condizioni migliori possibili i nostri compagni e sapendo di affrontare questo campionato nel migliore dei modi. Sappiamo che abbiamo da cimentarci con realtà calcistiche che fino a qualche anno fa non avevano niente a che spartirsi con noi. Invece quest’anno ci toccherà affrontarle, sapendo, ed impegnandoci, che non vogliamo sfigurare con nessuno; sapremo vendere veramente cara la pelle. È un orgoglio andare a giocare a Benevento, così come andare a giocare a Lecce, a Salerno e ad altri campi ben noti in tutta Italia.

Una domanda scontata: non avrai al tuo fianco Marchetti. Sarà pesante, vero?
Non vorrei mancare di rispetto con qualcuno; però devo dire che mi sono trovato veramente bene con Marchetti; ma sono altresì sicuro di trovarmi molto bene anche con Di Bella.

Come dire: poche parole a buoni intenditori bastano.