Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Gianni Speranza: perché subito al voto

Doppio attacco, durissimo, sia alle forze del Centrodestra (principalmente) e sia a quelle del Centrosinistra
1.1K 2

“La pantomima che va in scena sul teatrino della schermaglia ha superato
abbondantemente, da settimane, i livelli sopportabili di indecenza.”

L’indignato speciale, nel nostro caso, è uno dei candidati alle primarie per il centrosinistra, Gianni Speranza, Sindaco di Lamezia, disgustato – per come lui stesso sottolinea- di assistere al “ balletto delle date e il valzer di ultimatum e penultimatum, ma non c’è ancora traccia di certezza sul giorno in cui i calabresi saranno chiamati a votare per il nuovo Consiglio regionale scaduto oramai da quattro mesi”.

Raccogliendo le sue amare riflessioni da un social regionale, si evidenzia nel Sindaco lametino una eccezionale carica – come lui sostiene – a beneficio di un cambiamento della politica e del modo di amministrare in Calabria, riferendosi ovviamente al percorso fin qui portato avanti da un esecutivo regionale rimasto monco per le note vicende dell’ex Governatore Scopelliti.

Ed a questa esperienza Speranza veicola il suo messaggio ampiamente critico, attaccando la politica portata avanti dal Centrodestra.

“”Il governo regionale di centrodestra”, evidenzia infatti Speranza, “con una mano gioca sulle date,
sia delle elezioni e sia delle primarie mentre con l’altra, nella stanza dei bottoni, continua spregiudicatamente a gestire il potere, facendo e disfacendo negli uffici che più contano, nelle aziende sanitarie, negli enti sub-regionali, persino giocando pesante con organi di garanzia
chiamati a legittimare l’utilizzo di ingenti risorse pubbliche”.

Non si risparmia nell’attaccare nemmeno la “sua parte” politica, ove “ permangono atteggiamenti
consociativi che impediscono scelte nette e chiare di rinnovamento e di svolta. Che senso ha continuare le chiacchiere e praticare ricatti incrociati su questi temi?”.

Dopo questi attacchi sulle due sponde politiche, per Gianni Speranza è allora opportuno mandare il suo messaggio:

E’ necessario porre fine alla commedia degli inganni”, aggiunge, “ e dire basta alle diatribe che dilaniano e azzoppano il centrosinistra, nel quale ancora la maggioranza dei calabresi ripone un
forte desiderio di cambiamento.

IN OGNI PAESE DEMOCRATICO SI FISSA PRIMA LA DATA DELLE ELEZIONI E, IN PREPARAZIONE DELLE ELEZIONI, LE PRIMARIE CHE SERVONO A SELEZIONARE I CANDIDATI.

Ecco perché non mi unisco al coro di questi giorni. Se solo si fosse voluto le elezioni regionali in Calabria si sarebbero già fatte a luglio con le primarie agli inizi di giugno”.

Infine, come si usa dire comunemente, arriva la botta finale, condensata in questo durissimo attacco:

Occorre, quindi, impegnarsi per un confronto vero sugli obiettivi qualificanti di un’azione di governo che adotti una credibile terapia d’urto per risollevare le sorti e ancora prima per restituire
autorevolezza alla guida della Regione, dentro e fuori i confini della Calabria.

Solo a queste condizione, ritengo, che il centrosinistra possa aggregare energie e consensi per battere le forze politiche e le lobby di potere e di malaffare che hanno penalizzato fortemente l’economia, le istituzioni e persino, con effetti devastanti, la stessa vita civile della Calabria.

Credo che ci siano tutte le condizioni perché si possa e si debba vincere purché venga indicato con chiarezza un percorso positivo e realistico delle cose da fare per la Calabria e i Calabresi, specificando in maniera trasparente con chi e come realizzarle”.

 

 

 

  • Hai detto bene Francesco ….e il caro Sindaco predica bene e razzola male, d’altronde a lui gli interessa trovarsi un’altra poltrona …!!!!

  • Da quest’anno i libri per la scuola elementare i genitori lametini se li dovranno pagare. Il Comune non ha soldi per queste cose …. per il cinema si.