Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Gianni Aversano in concerto a Lamezia il prossimo 9 gennaio

,
521 0

Canti della tradizione popolare natalizia e note canzoni napoletane, con sketch teatrale della più conosciuta delle maschere della tradizione partenopea: Pulcinella, “o quarto re magio”.  E’ il programma del concerto – spettacolo di Gianni Aversano e del suo trio di chitarre e mandolini, dal titolo “Jettero li pasturi”, in programma sabato 9 gennaio 2016 alle 20.30 presso l’Oasi “San Francesco d’Assisi”, nei pressi del Santuario di Sant’Antonio.

L’iniziativa, organizzata dalla fraternità del Terz’ Ordine Francescano Secolare e dai frati del Convento di Sant’Antonio, vuole essere un’occasione di festa e di condivisione per concludere le festività natalizie nel segno della gioia e della solidarietà.  Il ricavato dei biglietti dello spettacolo, al costo simbolico di 10 euro, contribuirà a sostenere le opere di carità e di beneficenza che la fraternità di Lamezia Terme guidata dalla ministra Marisa De Sensi realizza tanto in ambito parrocchiale, quanto nel sostegno alle numerosi missioni che i figli di Francesco d’Assisi portano avanti nelle diverse aree del mondo martoriate dalla miseria e dalla guerra.

Cantante, musicista, attore, autore e insegnante di Filosofia, Gianni Aversano è un artista eclettico che riesce a conquistare l’approvazione delle più disparate platee.  L’originalità dell’arte di Gianni Aversano consiste nella valorizzazione, dell’umano, del senso religioso e della poesia che sono al fondo delle canzoni del repertorio partenopeo, attraverso una forma di teatro-canzone coinvolgente ed appassionante. Le sue doti attoriali gli consentono inoltre di dare vita in modo originale alla famosa maschera di Pulcinella e ad una serie di personaggi esilaranti che popolano le vicende delle “macchiette” napoletane.

Ormai da diversi anni amico della fraternità lametina, Gianni Aversano e il suo trio offriranno alla città una serata in autentico spirito francescano,  in cui la musica, come espressione di lode a Dio, diventa il collante di sentimenti di condivisione fraterna, solidarietà e gioia.