Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

“GIUSTIZIA PER I PENSIONATI“: è la mozione proposta dalla consigliera comunale di Forza Italia, Carolina Caruso

Pubblichiamo i punti principali contemplati dall’interessante ed importante iniziativa politica
471 0
“GIUSTIZIA PER I PENSIONATI“: è la mozione proposta dalla consigliera comunale di Forza Italia, Carolina Caruso

Carolina Caruso  (F.I..) si pone decisamente all’attenzione nel segno della concretezza e per un’azione amministrativa che, questa volta, affronti gli atavici problemi dei pensionati.

Ed infatti, in tale direzione, ha presentato al comune di Lamezia Terme una mozione, in quanto sollecitata dai vertici nazionali nella persona del responsabile Seniores Regionale Toscana Gianfranco Sangaletti, mozione denominata “Giustizia per i pensionati”, così come testualmente indicata e commentata dalla stessa vivace  consigliera azzurra.

pensionati

Da sempre Forza Italia”, premette la Caruso, “ è attenta e sensibile ai temi che discendono dal lavoro, dall’impegno e dalla fatica, a volte, di intere generazioni. Per questo i governi presieduti da Silvio Berlusconi hanno concretizzato, nell’azione politica, provvedimenti volti a salvaguardare il lavoro e i risparmi dei nuclei familiari tra eliminazione della tassa di successione, no alla tassa sulla prima casa, no alla tassa sui terreni agricoli  e in primis la difesa delle pensioni minime, e ciò non solo per una questione di equità, ma anche come riconoscimento di una funzione sociale dei pensionati a sostegno delle famiglie.  Per contro il governo Renzi ha penalizzato tanti pensionati disconoscendo la sentenza della Corte Costituzionale che impone il ripristino della perequazione sottratta da Monti/Fornero e minaccia sempre maggiori sacrifici a carico dei pensionati.

 Pertanto”, aggiunge, “ di fronte a Renzi che danneggia e bistratta i pensionati, Forza Italia reagisce con questa iniziativa “Giustizia per i pensionati”.

In virtù di ciò, ho presentato al comune di Lamezia Terme una mozione, in quanto sollecitata dai vertici nazionali nella persona del responsabile Seniores Regionale Toscana Gianfranco Sangaletti.

Mozioni analoghe sono state già presentate in molte regioni, alla Camera, al Senato.

La mozione discussa nel nostro comune”, specifica Carolina Caruso, “verrà raccolta in un libro che verrà presentato in  occasione di una manifestazione nazionale Forza Italia nei mesi di ottobre/novembre per raggiungere lo scopo, ovvero ripristinare la corretta applicazione e il rispetto della Sentenza della Corte Costituzionale.

In questo modo Forza Italia conferma l’impegno per salvaguardare i legittimi diritti e la dignità dei pensionati italiani. Mi sento davvero onorata di essere stata contattata dai vertici nazionali per supportare questa lodevole iniziativa considerato che la maggior parte dei lametini sono senza lavoro e molte famiglie riescono a campare soltanto con misere pensioni e risparmi di una vita dediti al sacrificio atto a garantire sostegno alle nuove generazioni in serie difficoltà.”

Ritornando al nostro commento, con tale iniziativa si chiederà “al Governo e al Parlamento di far approvare nel più breve tempo possibile un atto avente forza di legge che, pur con un criterio di gradualità e tenuto conto degli obiettivi di finanza pubblica, dia piena ed effettiva attuazione alla sentenza n. 70 del 2015 dalla Corte Costituzionale, prevedendo a favore dei titolari di pensione colpiti dal blocco previsto dall’art. 24 e dai vari altri comma l’integrale restituzione degli importi maturati per effetto del ripristino della perequazione e la ricostruzione del trattamento pensionistico con effetti sugli importi degli assegni pensionistici vita natural durante, inclusa la rivalutazione sull’importo rivalutato per gli anni successivi”

Nel concreto, la mozione della Caruso – prima di arrivare sui tavoli del Parlamento e del Governo centrale –  mira  raggiungere due risultati concreti ed importanti:

  1. chiede ai parlamentari del territorio di adoperarsi con ogni mezzo perché il provvedimento venga calendarizzato nei lavori del Parlamento il prima possibile;
  2. invita il Sindaco ad adoperarsi, sfruttando tutti i dispositivi a disposizione del Comune, per informare i Cittadini interessati dal blocco pensionistico del 2011 (cd. “blocco Fornero”) di interrompere la PRESCRIZIONE dei loro diritti, salvaguardando la possibilità del Cittadino di una azione diretta o rivolgendosi ai propri legali di fiducia, associazioni abilitate o ai patronati, presenti sul territorio.