Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

I ragazzi del campanella a Londra e Vienna per apprendere la lingua

1.36K 0

Nell’anno scolastico 2014/2015 il Liceo “ Tommaso Campanella” di Lamezia Terme ha attuato un progetto relativo al Programma Operativo Nazionale PON 2007/2013, Obiettivo Convergenza – Competenza per lo sviluppo” 2007 IT 051 PO 007 OBIETTIVO C Migliorare i livelli di conoscenza e competenza dei giovani Comunicazione nelle lingue straniere percorso formativo in un Paese Europeo  codice progetto C-1-FSE-2014-12, “DEUTSCH IM HERZEN” E “FULL STEAM AHEAD”  finanziato con il Fondo Sociale Europeo. Sono stati avviati e portati a termine 2 interventi che hanno previsto stage per la conoscenza e l’approfondimento delle lingue inglese e tedesco, svolti rispettivamente a Londra e Vienna. Hanno partecipato all’iniziativa  30 allievi dell’istituto che si sono distinti per impegno e partecipazione all’attività didattica.

L’azione C 1 relativa ai percorsi formativi realizzati all’estero ha voluto offrire  ai giovani l’opportunità di migliorare, consolidare e perfezionare la propria formazione scolastica attraverso la maturazione di una esperienza di apprendimento di una lingua straniera direttamente in uno dei Paesi europei, rafforzando, in tal modo, competenze altamente richieste ai fini dell’inserimento professionale. Con l’ azione prevista il Liceo Campanella di Lamezia Terme ha offerto  agli studenti delle classi IV e V l’opportunità, consistente  nell’apprendimento delle lingue comunitarie, Inglese e tedesco, al fine di migliorare le competenze spendibili per l’inserimento nel mercato del lavoro. Gli interventi  in oggetto hanno previsto  un percorso formativo per l’apprendimento/approfondimento di una lingua europea in un paese dell’ Europa presso un Istituto linguistico e un esame finale con il rilascio della certificazione delle competenze linguistiche secondo il Framework Europeo delle lingue. L’intervento, progettato in modo da amplificare l’azione della scuola,  ha garantito  agli allievi lo sviluppo di una solida formazione linguistica in grado di compensare svantaggi culturali, economici e sociali di contesto ed ha costituito  il volano per la loro crescita come individui e come cittadini. La durata del percorso formativo è stato di 75 ore, articolate rispettivamente in: 60 ore (3 settimane) svolte a Londra e Vienna e le restanti 15 ore svolte in Istituto per il consolidamento e la preparazione all’esame per la certificazione linguistica. Il gruppo di allievi è stato costantemente accompagnato e seguito  da due docenti  tutor in possesso delle competenze linguistiche specifiche del paese scelto per la realizzazione del progetto.

magistrale2

Gli  Interventi, progettati nell’ottica di valorizzare la centralità dello studente, hanno contribuito a compensare tutti quegli ostacoli culturali, sociali, educativi che possono essere di pregiudizio alla formazione corretta e armonica della sua personalità. Prima dell’inizio dei percorsi formativi è stato stipulato , sia con i corsisti destinatari dei percorsi sia con i genitori, un patto formativo che ha impegnato la scuola all’erogazione di un’offerta formativa in funzione dell’innalzamento dei livelli di apprendimento e delle competenze e finalizzata anche alla partecipazione attiva e costante al percorso formativo. Le attività hanno avuto inizio con la somministrazione di un test d’ingresso per verificare le conoscenze e le abilità dei corsisti e il gradimento delle attività. Le puntuali verifiche in itinere e finali hanno evidenziato gli ottimi risultati conseguiti dagli stessi al termine delle attività didattiche. Il soggiorno a Londra e Vienna ha offerto allo studente, grazie all’ organizzazione e alla ricchezza dell’offerta culturale, la possibilità di ampliare il suo orizzonte d’informazione, di utilizzare le  lingue in un contesto autentico e l’ approfondimento storico-culturale del paese ospitante anche attraverso la lettura del territorio e la possibilità di vivere la città nei suoi aspetti più vari.

magistrale3

I  moduli sono stati gestiti da esperti -specializzati sulle tematiche afferenti i corsi. Gli alunni hanno partecipato con interesse e si sono impegnati a migliorare le proprie conoscenze e competenze. I Consigli di Classe degli allievi coinvolti nei progetti, sono stati resi partecipi sia in merito alla verifica dell’apprendimento nel contesto curriculare sia, in una prospettiva più generale, sull’importanza di queste attività sul curricolo scolastico. Anche le Famiglie sono state  coinvolte e rese partecipi nella diffusione di tali esperienze formative e nella condivisione dei risultati.Le azioni pubblicitarie, avvenute attraverso  comunicati, circolari, pubblicizzazioni sul sito web della Scuola, manifesti, locandine, hanno garantito all’iniziativa ampia diffusione rendendo pubblici i risultati ottenuti in tutte le attività finanziate dal Fondo Sociale Europeo.

Da quanto finora esposto, si possono trarre delle conclusioni in merito alla valenza e all’efficacia dei progetti PON. E’ possibile, infatti, affermare con dati oggettivi e riscontrabili, che questa esperienza ha fornito agli alunni un input motivazionale nuovo, tale da far ritrovare un interesse rinnovato verso l’apprendimento e la conoscenza delle lingue. Soprattutto quegli alunni che vivono in ambienti sociali e culturali meno stimolanti hanno conosciuto nuove realtà ed una scuola capace di accogliere e accrescere le loro curiosità, facilitare lo sviluppo delle loro attitudini e stimolare l’acquisizione di competenze che in situazioni scolastiche “normali” non avrebbero potuto apprendere; hanno sicuramente potenziato l’autostima e la convinzione che tutti possono migliorare il percorso formativo di crescita.