Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Icom, se ne parla nel consiglio comunale prossimo

Su richiesta del primo firmatario Nicola Mastroianni per capire le conseguenze sull'Ente e i fatti sconcertanti per cui si è giunti a questa situazione
662 0

Il consigliere Nicola Mastroianni ha chiesto per la seduta prossima del 16 ottobre di discutere della questione Icom e delle sue ricadute economiche sul comune.

Quale primo firmatario della convocazione dell’assise comunale ai sensi dell’art. 25 del vigente statuto dell’Ente, ho ritenuto indispensabile far calendarizzare e trattare la vicenda Icom nel Consiglio comunale del prossimo 16 ottobre, molto probabilmente l’ultima sulla problematica, nell’intento di una chiara e precisa volontà (quella mia) di fornire all’opinione pubblica e soprattutto alle Istituzioni un indispensabile supplemento di saperi e verità sulla vicenda che al punto in cui si trova rischia solamente di aggravare e pregiudicare la situazione finanziaria dell’Ente e con effetti negativi sull’intera comunità lametina.

La pratica amministrativa e giudiziaria che ha accompagnato prima il rilascio dell’autorizzazione alla realizzazione dell’intervento edilizio denominato “Borgo antico” e successivamente le diverse sentenze del Giudice Amministrativo a favore della società proponente Icom mantiene tutte le perplessità ed i dubbi di correttezza che ha accompagnato l’iter sin dall’origine.

Ci troviamo di fronte a fatti sconcertanti e fino ad oggi stranamente sottaciuti che sono maturati durante il periodo Commissariale e non sono mai stati approfonditi come sarebbe stato necessario anche per l’influenza che hanno avuto su tutto l’iter successivo, compreso quello giudiziario in sede amministrativa.

F.Noto

F.Noto

Queste le ragioni e soprattutto lo spirito che mi ha indotto a chiedere la convocazione dell’assise comunale su un argomento così importante per il futuro della città e sul quale diviene pertanto indispensabile supportare con argomentazioni fondate la difesa legale dell’Ente dall’aggressione posta in essere dalla società Icom in tutte le sedi a partire dal Consiglio comunale che deve pretendere e fare chiarezza per comprendere in maniera inequivocabile le circostanze e le responsabilità amministrative che hanno fin qui favorito l’iter giudiziario per la società Icom a danno esclusivo dell’Ente.