Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Ancora una volta il sindaco uscente Speranza, con grande nonchalance fa delle affermazioni che non hanno nessuna attinenza con la realtà delle cose. Snocciola milioni di euro spesi in dieci anni, trascurando che la città è nell’indigenza totale e ritiene che, avendo speso sei milioni ogni anno, sia un vanto e non una dichiarazione di resa, rispetto ad un bilancio comunale di circa 150 milioni di euro l’anno.
Nulla dice sui famosi 750 milioni di euro, assegnati a Lamezia, tanto strombazzati insieme a Loiero, per realizzare il Porto Turistico, la Metropolitana di Superficie, il Centro Intermodale, la nuova Aerostazione, il Palazzetto dello Sport, di tutto questo si è dato corso solo al Palazzetto dello Sport, delle altre strutture, certamente più importanti non si ha traccia.

Si sta realizzando il secondo Palazzetto dello Sport, pur sapendo che non si è riusciti a mettere a norma il primo, non si hanno i soldi per la manutenzione, eppure si avvia la costruzione del secondo Palazzetto, struttura assolutamente inutile e che non sarà mai finita. Il sindaco parla di opere finite e trascura che il mercato florovivaistico, in località Rotoli, lasciato nelle mani dei vandali da oltre quattro anni, inutilizzato perché fa concorrenza al Comalca di Catanzaro.

Il dato sconvolgente è l’affermazione sulla vicenda ICOM: solo oggi si è accorto, dopo aver fatto andare a sentenza una vicenda che non doveva nemmeno nascere, che sono stati prodotti atti illegittimi, come la pubblicazione della chiusura delle Conferenza dei servizi, in realtà mai conclusasi; Solo oggi interessa la Procura della Repubblica e la Corte dei Conti, dopo che inermi cittadini hanno gridato a squarciagola quanto marcio c’era in quella vicenda.

Viene da chiedersi: ma il sindaco dormiva mentre si consumavano questi misfatti a danno della città o era distratto? Certamente ha dimostrato di non sapere tutelare gli interessi della città dei suoi cittadini e non saranno i lametini a pagare i 40 milioni di euro – o giù di li – di debiti ma i responsabili di tutto ciò, lui compreso!
Ci vuole una bella dose di faccia tosta a dire che il bilancio è in ordine, dopo avere diluito su prossimi due sindaci, per dieci anni, il pagamento dei debiti da lui contratti!

Non è giusto continuare a raccontare panzanate ai cittadini, che hanno il diritto di sapere la verità, visto che poi saranno loro, almeno in prima battuta, a dovere pagare di debiti di una allegra amministrazione.