Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Il Sindaco manda i Vigili a contrastare i fumi di Scordovillo

795 0

Il Sindaco ordina alla Polizia municipale del Comune di Lamezia Terme di assicurare un’efficace e costante azione di controllo del territorio comunale adiacente e nei dintorni del campo Rom di Scordovillo a fini di prevenzione di episodi che arrechino disturbo e minaccia all’incolumità pubblica ed alla sicurezza urbana, che siano espressione di malcostume in generale e, in particolare, di deposito incontrollato di rifiuti di qualunque genere e specie, anche al fine di prevenire il verificarsi di incendi e fenomeni similari.

 

Questo è quanto si legge nell’ordinanza n.172 dell’otto agosto, pubblicata oggi sull’Albo Pretorio del Comune di Lamezia Terme. Nell’atto,  a firma del primo cittadino, vi è poi una descrizione della situazione dei Rom e del campo di Scordovillo. Narrazione che riportiamo qui di seguito.

Il campo nomadi ubicato in località Scordovillo, sottoposto a sequestro da parte dell’Autorità Giudiziaria, è più volte interessato da episodi di incendi prodotti dalla combustione di copertoni o rifiuti o altro materiale che producono gravi disagi sul territorio circostante tali da rappresentare pericolo per i residenti della zona e per l’Ospedale Civile posto al di sotto dell’insediamento Rom. Il caldo eccessivo riscontrato in questo periodo, ha aumentato l’inquinamento dell’area prodotto dagli incendi e favorito una più rapida decomposizione dei rifiuti presenti. Con precedente ordinanza n.136 del 04/07/2014, emessa ai sensi sia del d.lgs. 152/2006 che del d.lgs. 267/2000, art. 50, il Comune di Lamezia Terme disposto un immediato intervento della Lamezia Multiservizi spa, affincata dalla Polizia municipale, per l’eliminazione di tutti i rifiuti ingombranti e speciali nonché degli ulteriori rifiuti solidi urbani presenti nelle aree adiacenti l’ingresso del campo nomadi in località Scordovillo. Tali interventi sono in corso di esecuzione e proseguiranno comunque per tutta la stagione estiva ed anche oltre, ove necessario.

Le complessive operazioni di sgombero del predetto campo, con contestuale trasferimento dei nuclei familiari ivi residenti in alloggi reperiti nel territorio comunale, in adempimento del citato provvedimento dell’Autorità Giudiziaria, definite nel corso degli ultimi anni in collaborazione con l’Aterp, con l’affiancamento delle forze dell’ordine e sotto il coordinamento della Prefettura, Ufficio  territoriale del Governo, a seguito di apposite riunioni del Comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza, in esecuzione altresì di decisioni del Consiglio Comunale, hanno subito dei ritardi a causa dell’attuale inesistenza di alloggi di proprietà pubblica ove localizzare le famiglie tuttora dimoranti nel campo; allo stato sono in corso due distinti procedimenti finalizzati alla realizzazione di alloggi da utilizzare per tale scopo, tuttora non conclusi.È necessario programmare, nel mentre continueranno nel corso della presente stagione estiva gli interventi di pulizia per la rimozione dei rifiuti, un’efficace e costante azione di controllo del territorio perché venga impedito il perdurare di fenomeni di deposito incontrollato di materiale il cui incendio non potrebbe a priori essere escluso, anche se tale controllo mira alla loro prevenzione. Tale controllo non può, per ragioni oggettive legate anche alla carenza di personale, essere effettuato dalla sola Polizia municipale, cui dovrebbero affiancarsi altre forze all’uopo appositamente coordinate.