Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Inquinamento Valle Oliva, Parentela alla Camera richiede urgentemente la bonifica dell’area

Il deputato cinquestelle a quasi 1 anno dall'interrogazione cita Ungaretti:“I calabresi stanno come d’autunno, sugli alberi, le foglie”
1.15K 1

“Clorometano, diclorometano, cloroformio, tetracloruro di carbonio, cadmio, mercurio, tallio e manganese al di sopra dei limiti previsti per i siti d’uso pubblico e privato.Queste sono soltanto alcune delle sostanze rinvenute nel fiume Oliva, tra i comuni di Amantea, Aiello Calabro e Serra d’Aiello in provincia di Cosenza, in Calabria».
Lo ha ricordato alla Camera l’on. Paolo Parentela portavoce calabrese del M5S, per sollecitare una risposta all’ interrogazione numero 4/03105 che lo stesso aveva scritto ben 11 mesi fa al Ministro dell’Ambiente affinché fosse garantita la sicurezza igienico-sanitaria e ambientale dell’area.
paolo parentela
Nell’ interrogazione Parentela chiedeva urgentemente la bonifica dell’area e la predisposizione del registro tumori in Calabria, unitamente a un registro epidemiologico e a tutte le misure necessarie per tutelare la salute dei cittadini ma i Ministri interrogati ad oggi non hanno ancora dato risposta né hanno ritenuto opportuno intervenire.
La gravissima situazione igienico-sanitaria e ambientale riscontrata nella valle del fiume Oliva è stata confermata dal consulente tecnico d’ufficio della procura della Repubblica di Paola, dalle risultanze delle indagini condotte dalla magistratura e dalla relazione dell’ISPRA. Tra le sostanze con effetti biologici importanti tali da poter cagionare un danno per la salute dei residenti oltre che per l’ambiente circostante spicca, per la maggior parte di esse, la capacità di indurre patologie tumorali spesso fatali.
Rivolgendosi al Presidente della Camera Parentela ha fatto presente che in questo periodo sulla stampa anche i cittadini delle Serre, come quelli di Amantea e di Crotone, si stanno interrogando sui motivi di una così vasta incidenza di tumori e morti nella zona in cui vivono «Ma nessuno evidentemente ha mai spiegato loro che i Governi che si sono succeduti in questo Paese hanno tenuto nascosto lo smaltimento illecito di rifiuti tossici e radioattivi nella zona delle Serre» ha aggiunto da ultimo.
A quasi un anno dall’interrogazione che rivestiva, allora come oggi, carattere d’urgenza, riuscirà finalmente questo Governo a dare una risposta adeguata a tutti quei cittadini calabresi che, come ha detto bene il deputato cinquestelle citando Ungaretti, “stanno come d’autunno, sugli alberi, le foglie?”

  • Lo sanno anche le pietre che quella merda viene dalla jolly rosso arenatasi misteriosamente sulle rive delle formiciche presso amantea, sono passati 25 anni e nessuno ha mai mosso un dito, nessun responsabile solo morti ammazzati in cerca di verità e morti di tumore inconsapevoli di cosa abbiano interrato nelle serre d’aiello, non sono un tecnico ma bonificare l’area oggi è possibile?