Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Intervento del TAR per un no definitivo alle biomasse

Documento redatto dal “ Meetup” del M56S di Lamezia che pubblichiamo in forma integrale
400 0

Comunichiamo che, nei giorni scorsi, i militanti del Movimento 5 Stelle di Lamezia Terme, hanno notificato atto di intervento ad opponendum, davanti al TAR di Catanzaro (udienza 17/12/15), per contrastare la richiesta di una nota azienda lametina che vuole realizzare due impianti a biomasse in via del Progresso. Pur ritenendo assai valida la difesa già proposta dal Comune di Lamezia Terme, per la quale abbiamo insistito nell’accoglimento, abbiamo ritenuto necessario introdurre altri e nuovi argomenti più specificamente attinenti alla salvaguardia dei diritti costituzionali alla tutela della salute e alla salvaguardia di un ambiente sano. È  stata riportata, nell’atto, tutta la letteratura scientifica in materia, sono stati citati i precedenti giurisprudenziali che dichiarano la prevalenza dei diritti dei cittadini sull’interesse esclusivamente patrimoniale dell’azienda, sono state  richiamate le norme vigenti che vietano la realizzazione degli impianti a biomasse ovvero ne limitano fortemente la localizzazione. La finalità della nostra costituzione in giudizio quindi, non si limita alla conferma del provvedimento di diniego del dirigente SUAP del Comune di Lamezia Terme, dell’8.9.2015, ma mira ad ottenere dai giudici amministrativi una pronuncia di più ampio respiro che serva, in via generale, ad evitare il proliferare di impianti a biomasse nel nostro comune, quand’anche le domande di autorizzazione fossero (e non è il caso di quelle in contestazione) perfette dal punto di vista urbanistico e amministrativo. Infine, si è insistito per la trasmissione degli atti alla Procura della Repubblica, atteso che il Comune di Lamezia Terme ha certificato che “Le dichiarazione sulla compatibilità dei progetti con gli strumenti urbanistici approvati e i regolamenti edilizi vigenti e non contrarietà agli strumenti urbanistici adottati riportata negli elaborati (…) RISULTANO ESSERE NON VERITIERE”. Tale adempimento doveva già essere, sin dall’ agosto scorso, compiuto dall’Ente, adesso noi abbiamo insistito affinché vi provveda il TAR. In ogni caso, leggendo il contenuto del nostro atto di intervento, il Comune di Lamezia Terme, potrà rinvenirvi le norme, che stiamo richiamando dall’inizio dell’estate, che legittimano, anzi, obbligano, il Sindaco a vietare, sempre ed in ogni caso, la realizzazione di impianti termoelettrici, come gli impianti a biomasse e non solo, qualificati dalla legislazione vigente come “DANNOSI PER L’UOMO”.  Dopo il passaggio davanti al Tribunale Amministrativo, insisteremo con il Sindaco perché intervenga in questo senso, adempiendo alla promessa espressa ai cittadini di Lamezia e fin’ora disattesa (si era impegnato a farlo entro settembre scorso),  di emanare norme apposite.