Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La Commissione regionale Pari Opportunità è convinta che l’indipendenza economica possa incentivare le denunce per violenza subita

77 0
La Commissione regionale Pari Opportunità è convinta che l’indipendenza economica possa incentivare le denunce per violenza subita

In occasione della giornata internazionale contro la violenza sulle donne, Cinzia Nava, presidente della Commissione regionale Pari Opportunità, richiama l’impegno profuso dall’organismo consiliare nella sensibilizzazione al valore del rispetto della persona.

“E’ un percorso che continueranno anche nei mesi futuri e che ha avuto momenti concreti di attuazione nella formazione nelle scuole e nel protocollo siglato con il Provveditore delle Carceri della Calabria.   Così – esordisce Cinzia Nava-, abbiamo incontrato i detenuti di Catanzaro, Rossano, Cosenza, Vibo, Crotone e Laureana di Borrello, in attesa di fare visita ad altri istituti che hanno avanzato richiesta. Sono stati momenti molto costruttivi che hanno stimolato verso la funzione riabilitativa del carcere ed il rispetto della persona in quanto tale. La discriminazione genera violenza e serve una evoluzione culturale nel contesto di una società che resta sempre maschilista, con la donna che occupa un ruolo inferiore rispetto all’ uomo”.

Aggiunge Cinzia Nava: “Con orgoglio, possiamo dire di avere dato anche noi un contributo pratico alle vittime di violenza del nostro Paese con la modifica alla legge 4/2018, prevedendo una corsia preferenziale per le stesse vittime nei concorsi pubblici. Infatti, la settimana scorsa, il Consiglio regionale ha approvato la proposta di modifica alla legge che è già attivata a Roma per essere approvata dal Parlamento.  La Crpo è convinta che l’indipendenza economica possa incentivare le denunce per violenza subita e in quest’ottica sta portando avanti azioni concrete. In particolare, siamo stati impegnati in questi giorni a Polistena, Gioia Tauro, Palmi e San Marco Argentano: eventi promossi dalle scuole e dai Comuni che hanno contrapposto al tema della violenza il sentimento d’amore”.