Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La felicità di Grande per il riconoscimento Pandora

Lettera aperta di ringraziamenti dello stilista lametino
790 0

Sono davvero fiero di aver ricevuto, e condiviso con personalità di indiscusso valore nei rispettivi ambiti professionali, l’edizione 2014 del Premio Pandora, tenutasi a Sellia Maria. Intendiamoci, fa sempre piacere essere premiati, quando però un riconoscimento ti viene consegnato da persone amiche, con alcune delle quali hai avuto addirittura modo di vivere delle belle avventure professionali, esso ha un sapore diverso, ancora più bello.

Ad affermarlo è Anton Giulio Grande il quale sottolinea come “nella serata dedicata al Premio Pandora ho avuto modo di ritrovare un campione assolutamente rappresentativo di quegli ottimi professionisti della comunicazione che sanno dare risalto anche al buono che produce il Mezzogiorno d’Italia. In particolare, ho molto gradito la filosofia ispiratrice della kermesse, la quale, non si limita a premiare alcuni talenti calabresi, ma è andata oltre, focalizzando con attenzione una caratteristica comune alle personalità scelte dalla redazione della testata infoOggi, che ha organizzato il tutto: quella calabresità vera, non di facciata, quel vivere la Terra giorno dopo giorno, nel caso mio e del caro amico Michele Affidato, creazione dopo creazione”

Lo stilista lametino, in seguito, prosegue spiegando cosa significa lavorare nella punta dello stivale “operare in Calabria e nel Sud in genere, in tutti i settori, non è facile, ecco perchè quando il “prodotto” di ciascuno di noi riesce a valicare con successo non solo i confini regionali ma anche quelli nazionali c’è più soddisfazione  e cresce il senso della fierezza; un’emozione che non ha eguali. Chi ha avuto modo di viverla, capisce di cosa io parli. Pandora ha voluto  puntare i riflettori su chi , malgrado tutto,  opera nella nostra  Terra facendone il  laboratorio ideale per le proprie passioni, la propria arte, il proprio lavoro e in molti casi un autentico  trampolino di lancio internazionale delle eccellenze”