Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La mano potente dei potenti che animano i paradisi fiscali e le vergognose contraddizioni!

Rispunta un ““Wikileaks 2 “ con l’impressionante “ Panama Papers” – L’Editoriale del nostro Direttore
420 0

Soldi chiamano soldi; affari chiamano affari; potenze fiscali mai contente  del loro strapotere; e poi, poveri sempre più poveri; fame e sempre più fame e se qualcuno di questi ultimi “disgraziati” dovesse rubare un mezzo chilo di banane da un banco del supermercato, subito vengono aperte le porte della galera !

La notizia che da questa notte fa clamore in campo addirittura internazionale e mondiale è il cosiddetto “ Panama Papers” ; ricordate il caso “Wikileaks  “ ?

panama

Bè, più o meno siamo la, ma con risvolti ancor più eclatanti che coinvolgono parecchi “potenti” del mondo: persone indicate come vicine al presidente russo Vladimir Putin, familiari del leader cinese Xi Jinping, del presidente ucraino Poroshenko, del re saudita, dei premier di Islanda e Pakistan; parenti e persone vicine al presidente siriano Bashar Al Assad, ma anche il defunto Muammar Gheddafi e l’ex presidente egiziano Hosni Mubarak.
Nelle carte anche Messi, Platini e Jackie Chan, e l’inchiesta in corso non si fermerebbe solo qui, specialmente se esse hanno cominciato a scavare nelle “tane” segrete di molti italiani che su tali manovre oscure hanno costruito i loro imperi, finanziari e fiscali.

Le informazioni trapelate, e che sono ormai in mano ai mass media di tutto il mondo, descrivono  di una gigantesca massa di denaro che sarebbe stata dirottata da studi legali internazionali e banche verso paradisi fiscali per conto di criminali, leader politici e funzionari d’intelligence.

“ Le rivelazioni “, cita l’Agenzia Ansa, “sono contenute in milioni di documenti (denominati Panama Papers) fatti trapelare da uno studio legale non molto noto, Mossack Fonseca, ma con sedi a Miami, Hong Kong, Zurigo e 35 altre località. Documenti passati al giornale tedesco Suddeutsche Zeitung e da questo condivisi poi con un pool di reporter investigativi di vari media internazionali fra cui i britannici Guardian e Bbc. Per l’Italia l’esclusiva è de L’Espresso”.

C’è comunque una manovra in atto secondo cui si darebbero come non “censurabili” le operazioni venute alla luce attraverso milioni di documenti fatti trapelare sui media internazionali.

Ai potenti del mondo non mancano di certo gli escamotage e i denari, soprattutto, per mettere a tacere ogni cosa. Tanto, solo i poveri sono costretti a subire, e solo su di loro si abbatte la mannaia del tanto peggio, tanto meglio, mentre da questi “paradisi fiscali” potrebbero affluire ingenti quantità di danaro per lenire le dure  prove di tanti cittadini costretti a pagare tasse su tasse, ad essere sempre più poveri. Gli immigrati, dopo aver depositato nelle mani degli aguzzini tra gli ultimi spiccioli di loro averi, sbarcano in Italia ed in Europa portando nelle loro tasche l’ultima monetina  per non spegnere in loro il sogno di considerarsi persone, mentre questi potenti del mondo spostano le loro masse di danaro perché denaro chiama denaro !

Il Wikileaks  “ ,  o il “Panama Papers” continueranno sempre a dominare          indisturbati e a succhiare sangue dalle vene sempre più prosciugate dei “poveracci” del mondo, molti dei quali stabiliscano dimora notturna sotto i ponti dimenticati, magari a poca distanza dalle super abitazioni di lusso di alcuni potenti monsignori cardinali, alla faccia di  Papa Francesco che denuncia tali comportamenti e lo fa con gesti concreti, invocando perdono e misericordia !