Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La nuova strada di Forza Italia la indica Galati

Si accende il dibattito tra gli azzurri dopo le sonore sconfitte elettorali
942 6

Forza Italia da oggi deve intraprendere una nuova strada con una guida rinnovata. Il risultato elettorale in Emilia Romagna e in Calabria inequivocabilmente chiude una fase che si è protratta troppo a lungo, caratterizzata da incertezze e ambiguità nella linea politica, sfilacciamento del rapporto con l’elettorato di centrodestra ed errori nella comunicazione.

Lo afferma il deputato e vice coordinatore regionale della Calabria di Forza Italia, Giuseppe Galati.

Condivido dunque – aggiunge – le riflessioni di Raffaele Fitto e di altri colleghi parlamentari sull’urgenza di riprendere subito un cammino liberale, che sia chiaro e definito nelle posizioni politiche, alternativo all’azione di un governo di sinistra che fatica a portare il paese fuori dalla crisi economica. Il partito appare ed è non solo lontano dalla sua classe dirigente ma, aspetto gravissimo, anche dal territorio e dalla sua gente, dalle sue richieste e dai suoi problemi. Nell’amarezza, oggi, di una sconfitta così pesante per il mio partito, che a livello regionale in Calabria si attesta al 12,30 per cento, non posso non provare soddisfazione per il risultato estremamente positivo che emerge dalla mia città Lamezia Terme, dove Fi è al 25,74 per cento. Risultato frutto del lavoro e dell’impegno, della presenza continua e costante sul territorio, del coinvolgimento e di una stretta collaborazione con i cittadini.

La politica deve essere vicina alle persone, alle famiglie, alle imprese, deve operare per venire incontro e per risolvere le difficoltà dei cittadini, deve stare tra la gente, non chiusa nei palazzi. Tutto questo in Fi – conclude Galati – si è perso e quindi non possono più essere rimandate decisioni da parte del presidente Berlusconi. È urgente rinnovare la strategia politica e i vertici e riallacciare il rapporto con il territorio e con gli italiani.