Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

La Quaresima ci interpella.

194 0

Ha inizio il 26 febbraio con il mercoledì delle Ceneri. Ci ricorda i quaranta giorni di Gesù trascorsi nel deserto e ci prepara agli eventi della Pasqua. E’ un tempo opportuno per riflettere sulla propria vita per uniformarla meglio alle esigenze spirituali.

Il clima attuale in buona parte è ‘indifferenza verso la Religione da parte di giovani e di adulti. Si può affermare che si lasciano trascinare da ciò che è presente, nelle famiglie e nella società, d’inconsistente, di effimero, d’impoverimento spirituale.
La domenica è come una giornata vuota da chi non partecipa alla Messa per ascoltare la Parola di Dio e pregare insieme.
La Quaresima ci pone di fronte alla nostra identità quando, ricevendo le Ceneri nella celebrazione liturgica del mercoledì 26, ci ammonisce: “Ricordati, uomo, donna, che sei polvere e in polvere tornerai”. Siamo corpo che è mortale, ma siamo anche spirito che è immortale. Essendo entità immateriale non ha come decomporsi.
Il richiamo di Gesù riferito dall’evangelista Marco (1,14) è il seguente: “Il tempo è compiuto ed il Regno di Dio è vicino; convertitevi e credete al Vangelo”.
Rispondiamo al Maestro operando, con volontà densa e con invocazione della Grazia, la trasformazione della nostra vita.

Vincenzo Rimedio,
vescovo emerito