Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia Terme – Conferita la cittadinanza onoraria a S.E. il Prefetto, Dr Arturo De Felice

Forti e mirati i richiami evidenziati da tutti i tre interventi istituzionali ( Bruno, Oliverio, Speranza)
537 0
Lamezia Terme – Conferita la cittadinanza onoraria a S.E. il Prefetto, Dr Arturo De Felice

Alla presenza delle massime autorità civili e militari s’è svolta presso la storica aula consiliare di Palazzo di Città di corso Numistrano  la manifestazione per il solenne conferimento della “Cittadinanza Onoraria” a S.E. il Prefetto Arturo De Felice, già dirigente della Polizia di Stato di Lamezia Terme e già Questore di Catanzaro . Cittadinanza Onoraria come da specifica delibera della Giunta comunale di Lamezia del 12 giugno 2015.

In tale atto, l’Amministrazione comunale guidata dal neo Sindaco avvocato Paolo Mascaro, esprime

“la gratitudine dell’intera cittadinanza di Lamezia Terme al Dr Arturo De Felice per il prestigio donato alla Città grazie al suo elevatissimo valore umano e allo straordinario impegno professionale, profuso per lunghi anni nel territorio a servizio delle Istituzioni”.

La manifestazione, i cui passaggi sono stati supportati dalla sempre elegante e sobria presentazione di Luisa Vaccaro, ha registrato alcuni interventi “istituzionali”:

il Presidente della Provincia di Catanzaro, Dr Enzo Bruno, che ha approfittato per “spingere” nella direzione dell’importanza e della costituzione dell’Area Vasta Catanzaro – Lamezia.

P1050877

Il Presidente della Regione Calabria, Mario Oliverio, dopo gli apprezzamenti e le sottolineature fatte nei confronti del Dr De Felice, ha evidenziato come da questo atto il Comune di Lamezia non solo riconosce tutte le qualità umane e professionali di una personalità come il Dr De Felice, sottolineando come manifestazioni di questo spessore mandano un messaggio forte all’intera Calabria e da uno dei territori più complessi e più difficili; tutto questo perché proprio da qui si instauri un concetto alto di legalità e di trasparenza per affermare lo Stato di diritto contro le forzature dei poteri forti.

“Abbiamo il bisogno di far crescere l’immagine di una Calabria che si pone fuori da quei stereotipi in negativo che ne offuscano l’immagine. Ed in tale proiezione, ha poi concluso, “la figura e l’impegno de Dr De Felice costituiscono dei precisi punti di riferimento”.

Mascaro2

Come al solito, appassionato e forte è stato l’intervento conclusivo del Sindaco di Lamezia, Paolo Mascaro, che ha iniziato con la sottolineatura della scelta di una iniziativa di particolare simbolismo per riconoscere il grande impegno  profuso da De Felice, soprattutto nei momenti tragici della storia della Città.

Ha quindi richiamato e rimarcato, non senza commozione, il giorno della uccisione del Dr Salvatore Aversa, Sovrintendente di Polizia, e della sua moglie, Lucia Precenzano, avvenuta il 4 gennaio del 1992; così come l’uccisione, sempre per volontà della mafia, dei due netturbini Pasquale Cristiano e Francesco Tramonte, delitto avvenuto il 24 maggio del 1991.

Il Sindaco ha poi proseguito con l’ inviare un abbraccio simbolico ed affettuoso dell’intera Lamezia, della Calabria e della Nazione a quanti si sono impegnati – a volte a costo della propria vita, per far rispettare il senso della legalità.

Quindi tutti quei NO proferiti da Mascaro: NO alla delinquenza; NO alla mafia; NO al malaffare; NO alla violenza; NO ai soprusi. Ed un NO fermo anche agli scioglimenti di Consigli; respingere – dunque – la mafia con l’impegno ed a costo della propria vita, perché “ quando si muore da eroi, si vive in eterno”.

P1050871

A seguire, il momento – culmine e commovente: il conferimento della Cittadinanza Onoraria al Dr De Felice”, con la lettura della delibera di Giunta del 12 giugno 2015.

A concludere, ovviamente, l’intervento dello stesso De Felice, che ha ricordato i momenti del suo forte impegno a difesa di Lamezia e per il suo riscatto, evidenziando come questa lotta riguarda vari territori della Nazione. Non ultima, la provincia di Caserta, dove si registra anche il numero più alto di scioglimenti di consigli comunali. Ma la Calabria ha anche tante eccelse potenzialità che vanno esaltate, ammirate, condivise.

Significativa anche la piena sinergia che dovrà esserci tra Comune, Provincia e Regione, seppur da differenti schieramenti politici.

Infine, l’invito rivolto agli amministratori ed ai cittadini tutti: è il momento di finire di piangersi addosso, altrimenti sarà la fine, soprattutto quando un popolo si abitua o , meglio, si assuefà al potere della mafia e della delinquenza variamente diffusa.