Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia Terme – dal 21 al 24 settembre “I giorni dell’Alzheimer” : informare, prevenire, raccontare “

I particolari illustrati nella conferenza stampa di presentazione dell’evento
595 0
Lamezia Terme – dal 21 al 24 settembre “I giorni dell’Alzheimer” : informare, prevenire, raccontare “

 

alz3La conferenza stampa di presentazione de “I giorni dell’Alzheimer”

E’ proprio come se fosse un’intera Nazione l’insieme degli ammalati colpiti dalla sindrome – quella di Alzheimer  -, i cui componenti interagiscono liberamente, forse anche abbandonati da certa  stampa molto più sensibile – ad esempio – verso la malattia della SLA o di qualcun’altra altra, tutte attratte da un sistema di potere che ridisegna – purtroppo – malattie di serie A da altre di serie B.

E premettiamo subito che – come  ci sono nel calendario delle iniziative a carattere nazionale ed internazionale le giornate di sensibilizzazione per gli ammalati di Sla, ci sono anche – a livello scientifico altrettanto efficace non proprio superiore-  le giornate di sensibilizzazione per  le varie forme di demenza, come quella che dal 21 settembre a tutto il 24 si vivranno a Lamezia e – comunque – nel catanzarese.

Ed è oltremodo indicativo il fatto che in Calabria sono oltre 37 mila le persone portatrici di qualche forma di demenza, e questo senza contare le forme genetiche giovanili che nella nostra terra si ritrovano purtroppo con una frequenza elevata.

Una “conquista scientifica” : Il Centro regionale neurogenetica, fiore all’occhiello della sanità regionale, nazionale ed internazionale.

Neurogenetica_1_s

“ Il Centro Regionale di Neurogenetica è sorto in seguito ai risultati ottenuti dallo studio della Malattia di Alzheimer genetica per la quale il gruppo di ricerca, affiancato da collaborazioni internazionali, è riuscito ad isolare uno dei geni responsabili (PSI) di questa patologia.

La Regione Calabria, con la legge n.37 del 10.12.1996 ne ha sancito la costituzione e ha individuato quale campo di intervento lo studio, la ricerca e l’assistenza delle patologie ereditarie del Sistema nervoso. Svolge attività clinica, di studio e ricerca in collaborazione con prestigiosi istituti nazionali e internazionali.

Sul versante della ricerca psichiatrica una attenzione privilegiata è rivolta verso la cura e la ricerca delle patologie depressive e dei disturbi dell’umore osservati nella correlazione tra familiarità e ambiente.

In forte sviluppo sono le attività di laboratorio con l’utilizzo di tecniche biologico-molecolari sempre più sofisticate e mirate alla identificazione di fattori genetici causali per le malattie”

Il Centro è dotato di una complessa struttura di ricerca archivistico-genealogica ed informatica.

Alz2

Il Centro regionale di Neurogenetica e l’intervento del suo Direttore, la dottoressa Amalia Cecilia Bruni-

Soffermandosi su questa splendida realtà non solo regionale, quanto anche nazionale ed internazionale, la dottoressa Bruni ha ricordato che il Centro è una struttura ultraventennale conosciuta ed apprezzata a livello internazionale per la globalità degli interventi che spaziano a 360 gradi di una problematica emergente.

Ben inserito nel “the global impact of dementia”, il Centro è riuscito in qualche modo a  praticare una sanità nuova che tutte le altre regioni e Stati del mondo ben riconoscono. Una realtà, ha aggiunto la Bruni, che sta facendo un intelligente e paziente lavoro a beneficio della Rete regionale per la demenza che dovrà essere funzionale entro l’anno in corso e che vedrà  la trasformazione delle vecchie Unità di Valutazione Alzheimer in veri ed appositi Centri per la demenza e il deterioramento cognitivo.

 “Una rete informativa il cui sviluppo parte da questa struttura lametina, ed anche l’aspetto formativo si innesca in tale struttura.

I nostri parenti e le nostre famiglie (che sono ben 37 mila) possono avere un sollievo nella gestione della malattia e nel seguire l’iter delle cure.

Da qui, l’importanza di creare le basi per una “ Lamezia Città della salute”; “ma che sia una “Comunità Demenza-friendly”, i cui studi hanno permesso alla Dottoressa Bruni di ricevere un importante e significativo Premio europeo.

 L’intervento del Commissario straordinario, Dr Giuseppe Perri

Nel suo intervento di apertura della conferenza stampa di presentazione della iniziativa “I giorni dell’Alzheimer: informare, prevenire, raccontare” ( in programma dal 21 al 24 settembre), il Commissario straordinario dell’ASL lametina – Dr Giuseppe Perri- ha definito questo Centro come “il cuore pulsante accanto ad una malattia cronica che il Servizio nazionale sanitario deve garantire attraverso adeguati servizi ed appositi interventi.

Tra gli scopi di queste giornate di sensibilizzazione, quello di escogitare un collegamento della prevenzione agli stili di vita attraverso una sana alimentazione  ed una appropriata attività fisica, allo scopo di meglio aggredire i sindromi di questa malattia. Una prevenzione, ha aggiunto, che deve essere intersettoriale.

Non dovrà scoraggiare il difficile momento attuale  che comporta dei sacrifici per rispondere al Piano di Rientro. Proprio per questo ha inviato un ringraziamento a tutti gli operatori sanitari per le difficoltà in  cui si dimenano; alcuni di questi operatori – per il bene della collettività – hanno anche rinunciato ad attuare il piano di ferie. Le difficoltà, quindi, ci sono, ma si fa affidamento – ha concluso il Dr Perri – , soprattutto per le garanti potenzialità professionali.

 slow food

Antonello Rispoli e lo Slow Food 

E’ una associazione internazionale non profit impegnata a ridare valore al cibo, nel rispetto di chi produce, in armonia con ambiente ed ecosistemi, grazie ai saperi  di cui sono custodi territori e tradizioni locali.

Importante è conoscerla e poi praticarla: ne beneficerà  anche l’aspetto  curativo e culturale.

Antonio Laganà ed il programma delle Giornate per l’Alzheimer –

La prima giornata ( 21 settembre) è dedicata alla prevenzione: “Nutrire il corpo per nutrire la mente”. E’ come se fossero delle diete per assicurare l’apporto di elementi fondamentali, capaci di ridurre i processi di stress ossidativo cellulare e di modulare alcuni processi responsabili della formazione di placche.

 

Il programma delle altre giornate le indicheremo giorno per giorno