Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lamezia Terme – Domani, sabato 12, riapre il Cinema Grandinetti con un film attesissimo : “ CHIAMATEMI FRANCESCO “ !

Grande significato sociale – storico , culturale ed economico messo in risalto nella affollata conferenza stampa
2.19K 1

2008 – 2015 : è l’arco di un periodo che ha segnato un vuoto inammissibile durato, quindi, sette anni ; ed è quello che ha interessato lo storico, suggestivo “ Teatro Grandinetti” , orgoglio di una città, di un comprensorio, di una Regione intera.

Ebbene, a distanza di lunghi sette anni in cui non sono mancate le solite promesse e le immancabili diatribe, il “ Teatro Grandinetti”, ora anche “Comunale”, apre ufficialmente al pubblico, trovando un contesto socio – culturale fortemente motivato ad osannare per un ritorno che certamente porterà i suoi innumerevoli benefici e dal punto di vista culturale, e dal punto di vista economico, e dal punto di vista sociale.

A battezzare l’evento storico è un personaggio che sta ingigantendo la storia, quella vera, quella degli ideali e delle identità: Papa Francesco, con l’attesissimo film “Chiamatemi Francesco” per la regia di Daniele Luchetti : a partire già da domani, sabato 12, con gli orari di inizio così stabiliti: 16 – 18 – 20 – 21,30.

E anche grande ed insolita conferenza stampa questa mattina, durante il cui svolgimento si percepiva fortemente la “ storicità” e l’importanza dell’evento, nel foyer della stessa struttura e con il ricordo di quel “ Cinema Grandinetti 1919” , fondato in quell’anno dal nonno dell’Ing. Francesco Grandinetti, da cui ha ereditato il nome.

Nel 1919 il cinema “ Francesco Grandinetti” fu il primo – in tutta la Calabria – ad abbinare le immagini al sonoro.  Sottolineatura importante, così come importante è ricordare che la completa ristrutturazione è stata a carico di Grandinetti, come sarà evidenziato in un’apposita mostra che verrà prossimamente allestita per mettere in risalto tutti i suoi vari passaggi. E’ quanto ha riferito lo stesso emozionatissimo Ing. Francesco Grandinetti, il quale ha precisato che alla scorsa Amministrazione comunale è toccato affrontare le spese per gli impianti di area condizionata e di riscaldamento, oltre all’acquisto della speciale macchina del cinema.

La programmazione dei film sarà a cura della omonima Associazione culturale, a cui spetteranno i costi per l’acquisto dei film, del personale, della Siae e di altre spese varie.

Grandinetti ha aggiunto che lo scopo di questa  nuova era del cinema a Lamezia sarà quello di riportare in Città le persone che erano costrette ad emigrare in altre strutture per assistere ai film, mentre è previsto un “ritorno” in fatto di immagini e di vivacità commerciale.

Infine, la politica dei prezzi che vanno dai 6 euro a persona ma che prevedono ritagli a beneficio degli invalidi e delle persone anziane.

cinema3

Il Sindaco Mascaro e l’Ing. Grandinetti

Per il Sindaco avvocato Paolo Mascaro, presente alla conferenza stampa assieme al vice sindaco Caglioti e all’assessore allo spettacolo, Bilotta, il cinema Grandinetti rappresenta la storia di una parte importante di questa Città. Si può ben dire, ha proseguito il Sindaco, che finalmente si realizza un sogno per i lametini, sottolineando come nel 2009 è stata inferta una ferita profonda ad un intero comprensorio. “ Oggi Lamezia compie un grande passo in avanti rilanciando il grande cinema a Lamezia.

Importante, in tutto questo, l’importanza che l’Amministrazione comunale riserva all’ascolto delle varie componenti cittadine. Oggi siamo orgogliosi”, ha concluso Mascaro, di essere vicini a Grandinetti in questo sforzo per far rinascere – tutti insieme – questa Città. Il territorio si valorizza anche con poche risorse a disposizione”.

Sulla stessa traiettoria di intenti sia il vice sindaco Caglioti che l’Assessore Bilotta.

Caglioti ha ricordato il periodo in cui suo nonno paterno, Francesco, deliberò – come allora assessore comunale – il progetto del cinema a Sambiase; un evento che ricongiunge la storia alla realtà; che ricongiunge il passato al presente.

Ora si riparte e si riparte alla grande con il cinema di qualità. Al pubblico spetta il compito di dare le sue giuste, attese risposte ed in fatto di presenze ed in fatto di vivacità.

 

  • Comunque è stato riaperto l’anno scorso, anche se a titolo gratuito, col “Giulietta e Romeo” di C. Carlei e “La terra dei santi” di F. Muraca……