Notizie, cronaca, sport, eventi della Città di Lamezia Terme

Cittadino Agricoltura

Lo strano caso del cactus che si muove da solo

,
430 0

In una zona del Messico cresce il cosiddetto cactus strisciante o chirinola, come viene chiamato da queste parti, e la sua caratteristica è quella che si muove nel terreno in maniera simile ad un bruco.  Al di là della della sua particolarità, questa pianta è a rischio di estinzione. Un gruppo di ricercatori dell’Università della Bassa California sta esaminando una strategia per la conservazione di questa specie endemica, che cresce solo in una determinata zona del paese e che rischia di scomparire a causa dello sviluppo immobiliare e altre attività come l’allevamento.

Uomo e natura, lotta infinita

Il cactus strisciante è stato inserito nella “Lista rossa delle specie minacciate” redatta dall’Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, organismo fondato nel 1948 allo scopo di occuparsi di ambiente e conservazione dell’integrità e diversità della natura. Le principali cause della diminuzione evidente delle aree dove questa pianta è presente sono la costruzione di edifici, l’apertura di nuove strade, ma anche eventi atmosferici e la deforestazione causata dagli allevatori intervenuti sul terreno per eliminare le grandi spine di questa pianta che ferivano il loro bestiame.

Un lungo bruco spinoso che si muove sul terreno

La “chirinola” appartiene alla famiglia delle cactacee, la sua crescita avviene in orizzontale e radente il suolo e, crescendo, la pianta si muove sul terreno come fosse un enorme bruco. Può arrivare fino a tre metri di lunghezza con una crescita annua di cinque centimetri. I ricercatori stanno ora studiando il cactus in modo da valutare gli elementi che contribuiscono alla sua crescita, soprattutto il grado di tolleranza alla salinità della pianta per identificare caratteristiche ambientali che possono favorirne lo sviluppo. Una ricerca rivolta alla salvaguardia di questa pianta curiosa e caratteristica che potrebbe essere piantata e crescere anche in zone diverse da quelle attuali e in questo caso non rischiare più di scomparire.

 

 

Di Andrea Ballerini